Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, immigrato a processo per rapina a cliente di una prostituta. Nei guai anche i suoi due complici

Il Tribunale di Terni

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

A Terni, lunedì 30 marzo, è stato celebrato il processo per rapina a carico di un giovane immigrato. Presenti il giudice Dorita Fratini, il pm Marco Stramaglia, gli avvocati Francesco Mattiangeli e Massimo Proietti. E i tenici deputati a far funzionare le trasmissioni via Skype per il collegamento con l'imputato, un 33enne tunisino detenuto a Perugia e accusato di avere partecipato, a fine agosto 2019, ad una rapina ai danni di un ternano. Quest'ultimo, dopo averla fatta salire in auto in via XX Settembre, si era appartato con una 38enne che credeva fosse una prostitituta. Ma dietro c'era un piano ben preciso che vedeva al centro la donna, il tunisino ed un altro ternano, anche lui 38enne. Obiettivo, usare la donna come esca per entrare poi in scena e rapinare il cliente di turno. Il colpo aveva fruttato soldi e due telefoni cellulari. Ma la polizia di Stato, con la squadra Mobile della Questura, aveva smascherato i responsabili. Il 33enne verrà giudicato dal Tribunale collegiale. Gli altri due seguiranno riti alternativi.