Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ast, presidi dei lavoratori 24 ore su 24: il Governo convoca l'ad Morselli

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

La riduzione dei turni decisa e attuata unilateralmente dall'azienda ha scatenato la reazione veemente dei lavoratori dell'Ast di Terni. Le Rsu hanno articolato lo sciopero con presidi dei lavoratori allo stabilimento, in Prefettura e in Comune. Qui hanno incontrato il sindaco Leopoldo Di Girolamo a cui le Rsu hanno chiesto di sospendere le attività istituzionali, chiedere un diverso ruolo del Governo e di portare la vertenza fuori dai confini territoriali. Il sindaco ha replicato di "condividere l'articolazione dei presidi così come impostata, compresa quella di Palazzo Spada (GUARDA LE FOTO) definita la casa di tutti". Il sindaco ha accolto la proposta di sospendere le attività, ad eccezione di quelle che hanno carattere straordinario e di emergenza; accolta anche la proposta di contribuire a portare fuori dai confini la questione dell'acciaieria fino ad arrivare in Germania; sostegno del primo cittadino di Terni infine alla proposta di chiedere al Governo un atteggiamento diverso sulle questioni ternane. Governo Una prima risposta del Governo sembra essere arrivata. Il Ministro dello sviluppo economico Federica Guidi ha convocato infatti l'amministratore delegato dell'Ast di Terni Lucia Morselli per mercoledì 29 alle 10. Sarà un primo vertice tra l'Esecutivo e l'azienda.