Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Ast ferma 24 ore la produzione per mettere in sicurezza lo stabilimento di Terni

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Fermo per 24 ore, dalle 6 di sabato 14 marzo 2020 alle 5,59 di domenica 15, per l'attività del ciclo produttivo di lavorazione allo stabilimento siderurgico dell'Ast di Terni. La decisione è scaturita al termine del summit a palazzo Bazzani, convocato dal prefetto, Emilio Dario Sensi, con la partecipazione dell'amministratore delegato, Massimiliano Burelli, del responsabile del personale, Luca Villa, e dei segretari territoriali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic Confsal, Ugl e Usb, in rappresentanza anche della Rsu. Giovedì 12 e venerdì 13 marzo la fabbrica si era fermata per uno sciopero di 48 ore per il disimpegno dell'azienda, a parere delle parti sociali, circa nuove misure per contenere il Codiv-19. Per il sindacato la prosecuzione delle attività produttive “deve avvenire in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione fisica e mentale, sia in termini di sicurezza effettiva che percepita”. Pur nella necessità di dover adottare rapidamente - attraverso il codice di autoregolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus - procedure e regole di condotta, l'azienda ha convenuto sull'opportunità di privilegiare il confronto con le rappresentanze sindacali presenti nei luoghi di lavoro perché, ogni misura adottata, possa essere condivisa e resa più efficace dal contributo di esperienza delle persone che lavorano. Nel corso della fermata le parti hanno verificato la procedura di sanificazione attivata da Ast nonché le condizioni di massima salubrità e rispetto delle indicazioni di sicurezza normative previste dai Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e dalle indicazioni disposte dall'Istituto Superiore della Sanità. Tutto il personale interessato dalla fermata produttiva è stato considerato, in via provvisoria, in aspettativa retribuita dal lavoro e dal servizio onde consentire di poter recepire il provvedimento normativo governativo contenente anche disposizioni in materia di ammortizzatori sociali. (Leggi del confronto azienda-sindacati di mercoledì 11 marzo 2020)