Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, emergenza Coronavirus, il Comune chiude il parco della cascata e il mercato del mercoledì

Chiuso il parco della cascata delle Marmore

Giuseppe Magroni
  • a
  • a
  • a

L'effetto del nuovo decreto emesso dal Governo per contrastare l'emergenza Coronavirus si fa sentire sempre di più. Martedì mattina è stata infatti decisa la chiusura del parco della cascata delle Marmore e del mercatino del mercoledì al foro boario di Terni. Il provvedimento è stato decretato durante la riunione del Coc, centro operativo comunale: “A seguito di una decisione condivisa nell'ambito del Coc – si legge nella nota diramata da palazzo Spada - è stata comunicata la sospensione del servizio di supporto e di assistenza turistico-logistica nell'area della cascata delle Marmore. La decisione della sospensione è stata presa anche in considerazione del fatto che il nuovo decreto della presidenza del consiglio prevede il divieto di assembramenti e una modalità di spostamenti personali che non è compatibile con le visite turistiche alla cascata delle Marmore”. Ma la Cascata non è stata l'unica area a essere chiusa al pubblico dal Coc. Il sindaco Leonardo Latini ha poi comunicato la sospensione dello svolgimento del tradizionale mercato del mercoledì nell'area del Foro Boario fino al prossimo 3 aprile. “La decisione che è stata condivisa nell'ambito della riunione del Centro operativo Comunale -  si legge nella stessa nota - è stata presa con decreto del sindaco anche in considerazione del fatto che il nuovo decreto della presidenza del Consiglio prevede il divieto di ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico”. Una città che dunque si sta per forza di cose adattando al cambiamento delle proprie abitudini. Vie e strade semivuote, non di rado si notano alcune persone che indossano le mascherine e i guanti di protezione. Paura ma anche speranza: “Speriamo che tutto ciò possa servire a bloccare la diffusione del virus – il commento prevalente – soprattutto per uscire prima possibile da questo incubo”.