Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

In elicottero da Pescara, paziente salvato al Santa Maria

Il bimbo di Foligno è ricoverato al Santa Maria di Terni

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Un uomo residente in Abruzzo di 52 anni in condizioni cliniche critiche è stato trasferito in elicottero dal Pronto Soccorso dell'ospedale di Pescara alla struttura complessa di Cardiochirurgia dell'Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni per essere sottoposto urgentemente ad un complesso intervento di cardiochirurgia. Al paziente presso l'ospedale di Pescara era stata diagnosticata una dissecazione acuta dell'aorta ascendente con versamento pericardico che richiedeva il ricorso ad un immediato intervento cardochirurgico: infatti, come riportato nella letteratura scientifica, entro 24 ore dalla diagnosi di dissecazione acuta dell'aorta, si registra un tasso di mortalità di oltre l'80%. La presa in carico da parte dei sanitari dell'Azienda ospedaliera di Terni è avvenuta presso l'aviosuperficie “A. Leonardi” di Maratta con l'intervento di una equipe sanitaria dell'emergenza a bordo del Centro mobile di rianimazione in dotazione. L'intervento all'ospedale di Terni è iniziato intorno alle ore 17,30 e si è concluso senza complicanze intorno alle 21,30 con la completa sostituzione dell'aorta ascendente fino alla carotide. Al termine dell'intervento, il paziente è stato trasferito in terapia intensiva post operatoria cardiologica (Tipoc) e mercoledì mattina si è proceduto alla estubazione. Attualmente il paziente è cosciente ed in buone condizioni cliniche. “In particolare – commenta il direttore Andrea Casciari – voglio sottolineare la disponibilità e la professionalità dell'equipe di cardiochirurgia, diretta dal professor Alessandro Pardini, e di tutti gli operatori del dipartimento dell'emergenza e del dipartimento cardio-toraco-vascolare, che garantiscono sempre la presa in carico di qualsiasi urgenza. Questo è il quinto intervento negli ultimi mesi in favore di pazienti provenienti dall'Abruzzo e dalle Marche che, con problemi importanti, sono stati trattati con successo presso la struttura di cardiochirurgia del Santa Maria di Terni".