Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Soldi a Radio Galileo, 13 indagati

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Radio Galileo avrebbe percepito indebitamente tre milioni e seicentocinquantamila euro dal 2004 al 2012 come organo d'informazione di un partito, CittAperta. Finisce nella bufera la principale e storica emittente radiofonica della città. Danno erariale: è questa la convinzione del procuratore regionale della Corte dei conti Agostino Chiappiniello che ha spedito tredici inviti a dedurre, cioè a spiegare le motivazioni, a nove persone legate a vario titolo all'emittente radiofonica e al movimento CittAperta nonché ai tre parlamentari che con la loro firma hanno certificato nel corso degli anni la reale esistenza del movimento: Leopoldo Di Girolamo, Carlo Emanuele Trappolino e Valter Verini, tutti del Partito democratico. Per la Corte dei conti ci sarebbe un danno erariale di quasi 4 milioni di euro e se i tredici non saranno convincenti a spiegare le loro ragioni dovranno rifondere pro quota allo Stato le somme indebitamente percepite.  Servizio completo nel Corriere dell'Umbria del 27 giugno a cura di Giuseppe Magroni