Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La truffa del pellet corre via web, sgominata una banda

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Vendono pellet su internet per oltre 100mila euro, ma è una truffa. La polizia postale sgomina la banda. La sezione della polizia postale e delle comunicazioni di Terni, coordinata dal sostituto procuratore Massini, ha denunciato a piede libero sei italiani e un albanese per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Gli investigatori guidati dall'ispettore capo Carlo Padronetti, hanno indagato sia con mezzi tradizionali, sia attraverso gli strumenti informatici, riuscendo a monitorare e ricostruire l'intera vicenda, durata oltre un anno. I personaggi in questione avrebbero creato alcuni siti di e-commerce per la vendita di pellet su tutto il territorio nazionale, incassando oltre centomila euro senza consegnare il materiale proposto nel web. Gli ignari clienti contattavano via mail o via telefono - seguendo quanto indicato nei siti - gli autori del reato dai quali ricevevano le istruzioni di pagamento senza poi ricevere nulla. E' singolare l'episodio di un cliente che voleva sincerarsi della bontà del prodotto, prima di effettuare un importante ordine del materiale. All'uomo i truffatori hanno detto che il mezzo che trasportava la merce sarebbe transitato al casello di Orte e che il conducente gli avrebbe lasciato un pacchetto contenente il campione di pellet in un'attività commerciale vicina al casello. La vittima, ritirato il pacchetto e gradito la qualità del materiale, ha effettato il pagamento secondo le modalità richieste senza mai ricevere nulla.