Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Evade dai domiciliari, i carabinieri lo ritrovano in centro

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

I carabinieri di Terni hanno tratto in arresto per evasione in flagranza di reato K.A., pluripregiudicato 29enne di origini albanesi, il quale trovandosi in regime di detenzione domiciliare e credendo di riuscire ad eludere i controlli, si era allontanato dalla propria abitazione, in cui stava scontando una pena definitiva, per recarsi in centro ed incontrare alcuni suoi connazionali. Rintracciato prontamente dagli uomini dell'Arma l'uomo è stato condotto nuovamente agli arresti domiciliari; gli stessi militari hanno poi eseguito un ordine di revoca degli arresti domiciliari con contestuale ripristino della carcerazione, disposto dall'Ufficio di Sorveglianza di Spoleto, nei confronti di L. H., cittadino di origini tunisine 52 enne pluripregiudicato, il quale nonostante fosse sottoposto alla detenzione domiciliare durante numerosi controlli più volte si è reso irreperibile. Altri interventi Una pattuglia dell'Aliquota radiomobile di Terni, nell'esecuzione di un posto di controllo ha intimato l'alt al conducente di un'autovettura “Chevrolet”, ma quest'ultimo non rispettando l'indicazione, ha tentato una repentina fuga tra le strade cittadine; subito inseguito è stato bloccato poco dopo. Gli operanti, non appena fermata l'autovettura, hanno identificato il conducente e procedendo ad accertamenti più approfonditi hanno appurato che il veicolo era stato rubato alcuni giorni prima a Terni. L'uomo alla guida è un pregiudicato albanese di circa 30 anni, da tempo residente a Terni e noto alle forze di polizia. Pertanto l'extracomunitario è stato deferito, mentre l'auto è stata restituita al legittimo proprietario. I carabinieri di Narni Scalo hanno segnalato alla locale autorità amministrativa, per aver detenuto sostanze stupefacente per uso personale a scopo non terapeutico, B.D. 30enne reatino e P.J 21enne ternano i quali nel corso di un controllo operato sulla Marattana, esteso anche alla loro autovettura, sono stato trovati in possesso rispettivamente di 2,5 grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana e hashish” e di un grammo di marijuana. I controlli intensificati ad Amelia da parte dei carabinieri, al fine di prevenire i reati contro il patrimonio, hanno permesso di individuare due giovani di origini romena (di 29 e 22 anni), che si aggiravano con fare sospetto nelle vicinanze delle abitazioni ubicate in piazza XXI Settembre. Gli operanti insospettiti dalle movenze dei due soggetti hanno proceduto alla loro identificazione e ad un controllo più approfondito. Dagli accertamenti eseguiti sul posto è emerso che gli stessi avevano riportato in passato numerosi precedenti per furto e altri reati contro il patrimonio, mentre a bordo della loro autovettura, sul sedile posteriore, sono stati rinvenuti grimaldelli ed altri arnesi da scasso, prontamente sottoposti a sequestro. Pertanto i due romeni sono stati denunciati a piede libero per possesso ingiustificato di arnesi idonei allo scasso.