Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni: moria di volatili nella zona industriale di Sabbione, la causa è un virus che non attacca l'uomo

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Non ci sarebbe alcun diserbante o fitofarmaco all'origine della moria di volatili registrata ad inizio gennaio 2020 in un terreno nella zona di vocabolo Sabbione, nei pressi del carcere, dove decine di uccelli - tortore soprattutto - sono stati trovati morti o agonizzanti. La prima ipotesi, a seguito degli accertamenti condotti dai carabinieri forestali del comando stazione di Terni, di Arpa Umbria e della Usl Umbria 2, è infatti legata ad un virus - la cosiddetta pseudopeste aviaria - a cui l'uomo è scarsamente sensibile e che invece può avere effetti letali, anche in maniera molto rapida, sui volatili ed in particolare quelli più deboli. L'ipotesi è ora al vaglio dell'istituto zooprofilattico delle Venezie a cui la Usl 2 ha chiesto analisi dettagliate, il cui esito è atteso nei prossimi giorni, per riscontrare l'accaduto ed eliminare ogni dubbio. (Servizio completo sul Corriere dell'Umbria del 15 gennaio 2020 – COMPRA L'EDIZIONE DIGITALE)