Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Camion perse un palo e trafisse un uomo, assolto il proprietario ternano

default_image

Giuseppe Magroni
  • a
  • a
  • a

Un anno e 4 mesi all'autista del furgone che perse il palo assassino, assolto invece il legale rappresentante dell'impresa ternana proprietaria del camion da cui si era staccata l'asta dello sportello che aveva trafitto Luigi Ferri, il 23 dicembre del 2015. Lo ha stabilito venerdì mattina il giudice Giulia Soldini, nell'udienza che si è tenuta nel tribunale di Arezzo. Sia per l'autista che per il proprietario del camion l'accusa era di omicidio colposo. Non si conoscono ancora le motivazioni della sentenza. La difesa dell'autista, un cinquantenne aretino, rappresentata dall'avvocato Osvaldo Fratini di Arezzo, attraverso la testimonianza di consulenti aveva dimostrato come nel furgone non funzionasse l'impianto acustico di allarme che avverte in caso di malfunzionamenti. Spiegando che se il meccanismo di alert avesse funzionato, il conducente non avrebbe ripreso la marcia. Una persona non qualificata come autista ma come fattorino, secondo la l'avvocato Fratini, non deva essere ritenuto responsabile. Diversa la posizione della difesa dell'altro imputato, assolto ieri mattina.