Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, il vescovo apre le porte del duomo ai poveri per il pranzo di Natale. Coinvolti numerosi volontari

Il  pranzo di Natale con il vescovo di Terni

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

Per il diciannovesimo anno consecutivo, nel giorno di Natale, le porte della Curia vescovile di Terni si sono spalancate per accogliere i 130 ospiti di diversa nazionalità e provenienza, ospiti nella casa del vescovo per il pranzo di Natale. Insieme a monsignor Giuseppe Piemontese, si sono sedute ai tavoli, addobbati e ravvivati dalle decorazioni preparate dagli studenti dell'istituto comprensivo Einuadi di Narni e Amelia, intere famiglie con bambini, persone sole, anziani, immigrati, senza fissa dimora, una nutrita rappresentanza della comunità ucraina, delle case di accoglienza della parrocchia di Borgo Rivo con il parroco don Luca Andreani, tutti serviti da una trentina di volontari, alcuni giovani, che per la prima volta si sono dedicati a questo servizio nel giorno di Natale, e che hanno partecipato alla festa come in una grande famiglia allargata. Ad accogliere all'ingresso dell'Episcopio i partecipanti il vescovo Giuseppe Piemontese e il sindaco di Terni Leonardo Latini che ha portato il suo saluto e augurato liete festività, insieme al vicesindaco Andrea Giuli, l'assessore al Welfare Cristiano Ceccotti e il presidente del consiglio comunale Francesco Ferranti.