Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ladre di rifiuti:denunciata nigerianaper furto aggravato

default_image

La ragazza era in compagnia di altre tre che alla vista della polizia sono fuggite: erano all'interno dell'area di proprietà della società che gestisce la raccolta differenziata, aveva in mano un cassetto di legno, come altri oggetti trovati dagli agenti al di fuori della recinzione

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

Continuano i controlli serrati del territorio da parte della Polizia di Stato, finalizzati oltre che alla prevenzione dei reati predatori, anche alla lotta all'immigrazione clandestina. Nell'attività della sola giornata di ieri, la Squadra Volante e il Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche hanno denunciato tre cittadini stranieri, uno dei quali è stato accompagnato coattivamente al suo paese d'origine. Le operazioni nei dettagli: ieri sera dopo le 20, una pattuglia in servizio in via del Foro Boario, ha visto quattro ragazze di colore all'interno dell'area di proprietà della società che gestisce la raccolta differenziata, una zona recintata con un'alta rete di ferro e con un cancello chiuso a chiave. Le ragazze quando hanno visto la Polizia hanno scavalcato la recinzione danneggiandola; gli agenti ne hanno bloccata una: una cittadina nigeriana di 28 anni, residente a Terni con un permesso di soggiorno, ma di fatto senza fissa dimora. La ragazza in mano aveva un cassetto di legno, come altri oggetti trovati dagli agenti al di fuori della recinzione, provenienti da una pila di mobili accatastati all'interno dell'area recintata. Il responsabile della società ha dichiarato agli agenti di aver già subito furti analoghi. La ragazza è stata denunciata per furto aggravato. Ieri pomeriggio, in viale Brin, la Volante ha fermato uno straniero per un controllo e a suo carico è emersa un'espulsione del Prefetto di Terni del 15 gennaio scorso, alla quale l'uomo non aveva ottemperato, come ad altre misure di allontanamento precedenti. Cittadino marocchino di 58 anni, in condizioni igieniche precarie, ha detto di vivere nei parchi pubblici e di lavarsi all'aperto con le bottiglie d'acqua. Dopo essere stato denunciato, è stato accompagnato coattivamente in Marocco dagli agenti dell'Ufficio Immigrazione. Questa mattina, dopo la mezzanotte, un'altra pattuglia ha fermato un giovane per un controllo: cittadino turco di 28 anni, è risultato inottemperante all'ordine del Questore di Terni di lasciare il territorio nazionale. Al giovane era stato revocato il permesso di soggiorno a seguito dell'operazione “Aladin” della Digos di due anni fa, ma non aveva lasciato l'Italia. E' stato denunciato e di nuovo espulso, ora avrà 7 giorni per lasciare il territorio nazionale. Durante l'attività di controllo di ieri, una pattuglia del Reparto Prevenzione crimine ha anche ritrovato in via Fratelli Rosselli un ciclomotore, risultato rubato a giugno, che è stato posto sotto sequestro.