Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fiom Cgil Terni, Rampiconi nuovo segretario

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

E' Alessandro Rampiconi il successore di Claudio Cipolla alla segreteria della Fiom Cgil di Terni. Rampiconi è stato eletto con 61 voti a favore, una scheda bianca e un astenuto nel corso dell'assemblea generale svoltasi all'Hotel Michelangelo, la mattina di venerdì 29 novembre 2019, a Terni. Operaio metalmeccanico dell'Ast, 43 anni, Rampiconi ha una lunga militanza sindacale alle spalle ed esperienze importanti all'interno della stessa Fiom, poi nella Camera del Lavoro di Terni e infine nel sindacato dei traporti, la Filt Cgil Umbria. All'assemblea era presente la segretaria nazionale, Francesca Re David. Rampiconi ha rinnovato la solidarietà della Fiom di Terni a tutti i lavoratori di Taranto, ma ha anche sottolineato le differenze che esistono tra quella vertenza e la situazione di Ast: "È vero - ha detto - fa effetto vedere oggi a Taranto la Morselli e Ferrucci, ma ricordiamoci che parliamo di produzioni diverse: gli acciai comuni con il ciclo integrale da altoforno hanno come materia prima il minerale; gli acciai speciali di Terni, invece, sono prodotti da forno elettrico che hanno il rottame come materia prima". Questo non cancella ovviamente le preoccupazioni per l'incertezza del futuro e dello scenario internazionale: "Se devo fare un'analogia - ha detto ancora Rampiconi - la faccio con il mercato dell'auto dove rimarranno 4-5 competitors a livello mondiale. Lo stesso sta accadendo per l'acciaio e questa ristrutturazione coinvolgerà, inevitabilmente, gli acciai comuni, ma anche la nicchia degli acciai speciali".  "A Terni, non ce ne voglia nessuno - ha aggiunto - abbiamo un management che troppo spesso è poco trasparente o quanto meno nebuloso su volumi produttivi e sull'organizzazione del lavoro. Ancora dobbiamo capire se la produzione degli acciai speciali rientra o no nel core business della ThyssenKrupp".