Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Primario indagato per peculato patteggia 18 mesi

Tribunale di Terni

La pena è stata sospesa. Archiviate altre quattro posizioni

Alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

Ha patteggiato a 18 mesi di reclusione (pena sospesa) uno dei cinque medici (un primario) dell'ospedale di Terni indagati dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Terni per la vicenda dell'intramoenia. Il dirigente di struttura complessa era accusato di peculato “per aver sfruttato a proprio vantaggio il cosiddetto regime dell'intramoenia, ovvero la pratica consentita ai medici dipendenti dell'ospedale di erogare prestazioni private fuori dal proprio orario di lavoro”. In particolare, secondo la guardia di finanza, il primario “dopo aver riscosso gli onorari per le visite, ometteva di versare all'azienda i corrispettivi previsti dal regime di intramoenia, pari al 15% della tariffa”. Le posizioni degli altri quattro medici inizialmente indagati per falso ideologico sono state tutte archiviate su richiesta del pubblico ministero.