La Soprintendenza boccia la copertura dell'anfiteatro

L'anfiteatro romano

Terni

La Soprintendenza boccia la copertura dell'anfiteatro

07.08.2019 - 10:52

0

Bocciato dalla Soprintendenza dell’Umbria il progetto di copertura dell’anfiteatro romano presentato nel 2015 dallo studio di architettura Luciano Marchetti e che aveva avuto l’avallo della Fondazione Carit disponibile a finanziare i lavori nel caso il progetto fosse stato autorizzato dalla stessa Soprintendenza. Il progetto era avveniristico: copertura mobile in materiali leggeri e non impattanti, con strutture laterali biocompatibili non più alte degli archi dell'antica vestigia e, dunque, non visibili dall'esterno, ma solo dall'alto. Era prevista la realizzazione di circa 850 posti climatizzati coperti che sarebbero arrivati a 1.200 con l’apertura delle paratie laterali. “E’ realizzabile in sei, massimo sette mesi, e renderebbe reale uno spazio multifunzionale per la città fornito di parcheggi e all'interno di un parco importante com'è quello della Passeggiata” disse un anno fa il presidente della Fondazione Carit Luigi Carlini presentando il progetto.
Costo stimato, tutto a carico della Fondazione, circa 2 milioni di euro, compresi alcuni lavori di riqualificazione dell’anfiteatro.
Ma tutto questo resterà sulla carta dato che la Soprintendenza ha detto no.
La Soprintendenza, si legge nella nota ufficiale a firma della dirigente apicale Marica Mercalli ha “espresso parere negativo sulla proposta di una copertura dell’anfiteatro in quanto la stessa sarebbe invasiva della compagine archeologica e snaturante della corretta percezione di questa”. E ancora, l’anfiteatro “non risulta compatibile con la realizzazione di una copertura permanente, per quanto amovibile, e con l’ordinario utilizzo dell’edificio come sede di spettacoli per cospicui numeri di utenti lungo l’intero arco dell’anno, a prescindere dalle caratteristiche architettoniche e strutturali della copertura progettata”.
Il presidente della Fondazione Carit Luigi Carlini precisa anzitutto “che noi non abbiamo speso nulla per il progetto. E’ stato realizzato gratuitamente dallo studio Marchetti; noi eventualmente l’avremmo finanziato”.
Carlini difende il progetto di copertura dell’anfiteatro: “Sarebbe stata una bella cosa. Insieme alla copertura si sarebbe potuto riqualificare l’anfiteatro”.
Il presidente della fondazione rivela che all’inizio la Soprintendenza era possibilista sul progetto: “Il funzionario incaricato aveva dato alcune prescrizioni tecniche che lo studio di progettazione si era impegnato ad effettuare. Questo lasciava prevedere un via libera. Poi a inizio anno è arrivata la bocciatura del progetto di chiusura dell’arena di Verona e a questo punto abbiamo capito che anche il nostro progetto di copertura dell’anfiteatro sarebbe stato bocciato. Peccato, perché sarebbe stato bello”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Brexit, Lamberts (Verdi): "Inverosimile voto Parlamento Ue su accordo giovedì"

Brexit, Lamberts (Verdi): "Inverosimile voto Parlamento Ue su accordo giovedì"

(Agenzia Vista) Strasburgo, 21 ottobre 2019 Brexit, Lamberts (Verdi): "Inverosimile voto Parlamento Ue su accordo giovedì" "Inverosimile voto Parlamento Ue su accordo giovedì". Così il il copresidente del gruppo dei Verdi Philippe Lamberts, intervenuto al termine di una Conferenza dei Presidenti presso la sede di Strasburgo del Parlamento Europeo sul tema della Brexit. Fonte: Agenzia Vista / ...

 
Catalogna, "Madrid vuole lo scontro, ma noi siamo pacifici"

Catalogna, "Madrid vuole lo scontro, ma noi siamo pacifici"

Roma, 21 ott. (askanews) - Una sentenza contro i leader indipendentisti catalani che "è vendetta, non giustizia", e il tentativo del governo e dei media spagnoli di mostrare il movimento indipendentista come violento, insistendo sui disordini quasi quotidiani degli ultimi giorni perpetrati da gruppuscoli violenti che hanno provocato molti danni soprattutto a Barcellona. Così Mireia Borrell Porta, ...

 
Scorsese sul red carpet a Roma: "Io e De Niro come una famiglia"

Scorsese sul red carpet a Roma: "Io e De Niro come una famiglia"

Roma, 21 ott. (askanews) - Martin Scorsese sul red carpet della Festa del Cinema di Roma per la proiezione del suo attesissimo "The Irishman", che arriverà in sala e in streaming su Netflix da novembre. "Credo sia più la storia di un uomo e credo che la storia fa da sfondo al film, che è una specie di specchio del viaggio che fa la sua anima nel film, in tutta la sua vita", ha spiegato il maestro ...

 
Brexit, Sassoli: "Disponibili a esame sereno e rapido, Parlamento Ue ultimo attore"

Brexit, Sassoli: "Disponibili a esame sereno e rapido, Parlamento Ue ultimo attore"

(Agenzia Vista) Strasburgo, 21 ottobre 2019 Brexit, Sassoli: "Disponibili a esame sereno e rapido, Parlamento Ue ultimo attore" "Disponibili a esame sereno e rapido, Parlamento Ue ultimo attore". Così il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, intervenuto al termine di una Conferenza dei Presidenti presso la sede di Strasburgo del Parlamento Europeo sul tema della Brexit. Fonte: Agenzia ...

 
Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Perugia

Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Encuentro trasloca. Il festival della letteratura in lingua spagnola lascia il centro di Perugia e si trasferisce a Isola Polvese. Non solo, le date si spostano da maggio a ...

21.10.2019

Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019