Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ternana, l'urlo di Bandecchi: "Chi vuole contestare è meglio che non venga al Liberati"

Il patron Bandecchi

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Stefano Bandecchi, presidente della Ternana, interviene dopo lo 0-0 di Fermo e prima del delicato match casalingo con il Sud Tirol. "Sarò sincero, ho vissuto con più serenità le ultime due partite lontano dal Liberati che la prossima. Temo questa gara in casa perché se la tifoseria verrà allo stadio per criticare e contestare la squadra, sarà un problema. La nostra squadra oggi  è ancora debole psicologicamente e non può perdere energie mentali a causa delle critiche. Lo dico, nonostante forse se le meriti anche un po', queste critiche,ma le Fere  ora  hanno bisogno di rimanere fuori dalle polemiche dei tifosi, e hanno tanto bisogno del sostegno del pubblico . Faremo di tutto per portare i sostenitori delle Fere allo stadio, fissando un prezzo del biglietto davvero simbolico, 1,50 euro per tutti i settori. Chiedo solo una cosa:se si vuole venire al Liberati per contestare la squadra, è meglio non farlo. Questa squadra se contestata rischia di perdere in maniera forse poco dignitosa, è per questo che ho paura della prossima partita. Credo fortemente che i tifosi possano essere il dodicesimo uomo in campo, ma  per noi non per gli avversari. Se veramente i nostri tifosi ci vogliono bene devono scendere in campo al nostro fianco e lottare con noi fino all'ultimo, nel bene o nel male. Se sarà così forse riusciremo a superare questa situazione veramente difficile e potremmo sognare i play off anziché guardare con paura alla retrocessione. Tre punti per andare all'inferno, tre punti per andare in paradiso. Spero che il dodicesimo uomo in campo, la nostra tifoseria, scenda in campo per giocare con noi e non con i nostri avversari"