Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Clamoroso alla Ternana, Bandecchi ci ripensa e non vende più

Il presidente della Ternana, Bandecchi

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Bandecchi cambia idea e resta proprietario (e presidente in pectore) della Ternana. La notizia è sorprendente, in quanto l'imprenditore livornese sembrava fermamente deciso a cedere la società poiché amareggiato per la contestazione “sopra le righe” subita domenica scorsa al termine del match contro l'Imolese. Notizia sorprendente ma positiva (senza offerte concrete di acquirenti affidabili si sarebbe aperto uno scenario a tinte fosche) e soprattutto certa (il patron sembra orientato a restare in sella a prescindere dall'esito finale del campionato, ossia perfino in malaugurato caso di retrocessione). In attesa di dichiarazioni ufficiali è lecito immaginare un ripensamento “emotivo”, proprio come era stata “emotiva” la volontà, esternata a caldo, di mettere in vendita il club. Un club che evidentemente, malgrado le molteplici amarezze vissute in un anno e mezzo, il numero uno di “Unicusano” sente suo. E probabilmente conta anche la voglia di non gettare la spugna nel momento peggiore della sua gestione. Una gestione tanto onerosa (898mila euro di stipendi mensili per i tesserati) quanto impeccabile. Ci sarà tempo a fine stagione, auspicabilmente con la salvezza in tasca, per analizzare le cause del tracollo di una squadra che sulla carta è seconda soltanto al Monza “grandi firme” allestito a gennaio da Berlusconi e Galliani. Poi sarà doveroso voltare pagine e ripartire con rinnovate ambizioni.   Luca Giovannetti