Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Magnini squalificato 4 anni per tentato uso di doping non ci sta: "Ce l'hanno con me"

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Il Tribunale nazionale antidoping ha squalificato per quattro anni Filippo Magnini per tentato uso di sostanze dopanti. La stessa pena è stata inflitta al nuotatore Michele Santucci. Magnini, per il quale erano stati chiesti 8 anni, è stato riconosciuto colpevole della violazione dell'articolo 2.2 del codice antidoping della Wada (uso o tentato uso di sostanze dopanti). Il procuratore capo Alberto Cozzella e il sostituto procuratore Angelo Lanohanno indagato dall'estate sulle carte dell'inchiesta avviata dalla procura di Pesaro nei confronti del medico nutrizionista Guido Porcellini su un presunto commercio di anabolizzanti e di sostanze contraffatte provenienti dalla Cina. La risposta di Magnini. "Me l'aspettavo, la mia sentenza era già scritta. È un anno che penso a chi posso aver pestato i piedi. Ho sempre mantenuto un profilo basso, ma ora basta". Filippo Magnini ha parlato poco dopo la sentenza che lo ha condannato a quattro anni di squalifica per uso o tentato uso di sostanze dopanti: "Il procuratore Laviani il giorno del processo concluse l'arringa alzandosi in piedi, sbattendo i pugni sul tavolo e dicendomi: questa è diventata una faccenda personale".