Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La ricetta di Mancini per la salvezza: "Facciamo benedire il Città di Castello"

Remo Bellucci
  • a
  • a
  • a

In questo girone di ritorno di serie D continua il momento no del Città di Castello, che in dieci partite ha racimolato la miseria di cinque punti, frutto di una vittoria e due pareggi e di sette sconfitte, di cui le ultime cinque consecutive. Un periodo estremamente difficile in un rush finale che si è fatto molto complicato per l’undici di Gualtiero Machi. Per i tifernati, nonostante il cambio di allenatore, prosegue il momento no per quanto riguarda sia le prestazioni che i risultati. Attualmente la formazione tifernate, a sette gare dalla fine del campionato, con i suoi 30 punti è relegata in zona play out. Adesso la sfida più grande per i biancorossi è quella di rimanere agganciati al treno salvezza, sperando anche in qualche passo falso delle dirette concorrenti. E il patron Piero Mancini, pur convinto della possibilità di centrare la salvezza ("possono bastare 10 punti" sostiene), chiede un aiuto... in alto.  "In questo girone di ritorno - dice - siamo stati sfortunati perché abbiamo dovuto fare i conti con tanti infortuni, e siccome non abbiamo una panchina molto lunga, diventa un problema la domenica. Stiamo giocondo con il terzo portiere poiché gli altri due sono fermi per infortunio. Ho consigliato giorni fa al presidente di far benedire la squadra presso il Santuario della Madonna di Canoscio".