Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, Braglia su Arena: "Deve trovare continuità, non può fare una partita bene e una no"

Esplora:

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

“Il San Donato Tavarnelle non merita la classifica che ha. Abbiamo visionato i filmati, e dico che è una buona squadra. Davanti sono bravi. Dovremo giocare una grande partita perché i toscani possono crearci problemi”. Piero Braglia sgombra il campo degli equivoci. Guai a pensare a una partita testa-coda, sarebbe pericolosissimo. Vuole invece un atteggiamento preciso da parte dei suoi.

 

 

“In casa non abbiamo fatto bene nell’ultimo periodo. Per cui mi auguro di vedere un approccio diverso. Dobbiamo avere rispetto degli avversari ma anche consapevolezza nei nostri mezzi e giocare con grinta e cattiveria agonistica”. E aggiunge: “Voglio vedere il Gubbio che vuole fare la gara, quello di Ancona, Fiorenzuola, Lucca. La squadra che sa quello che vuole e che va in campo a fare la partita. Per cui dovremo essere aggressivi e coraggiosi. Altrimenti si fa fatica con tutti”.
La classifica è ottima.
“Stiamo facendo buone cose e la squadra ne deve essere consapevole. Per questo deve continuare e per riuscirci i ragazzi devono essere intensi, aggressivi, concentrati. Dipende tutto dalla loro motivazione, dalla loro fame”.
 

 

 

Tatticamente che Gubbio vedremo? Sarà possibile rivedere Vazquez e Mbakogu insieme?
“Ho sempre detto che quei due possono giocare insieme, ma dipende dal loro stato di forma. Ultimamente stiamo giocando in una certa maniera che ci sta dando dei risultati e andiamo avanti così. Giocheranno quelli che se lo meritano e chi ha sbagliato nelle prestazioni precedenti avrà meno possibilità. Sarà il campo a decidere. Le prestazioni fanno la differenza”.
E quindi la chiusura su Arena.
“Alessandro ha potenzialità che gli possono far fare il salto di una o di due categorie, perché sa giocare a calcio, ma deve trovare continuità. Non può giocare una partita bene, una no, una così così. Prima di Lucca era silenzioso, concentrato e non ha sbagliato partita. Così si fa”.