Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Gubbio vola con i baby Arena e Spina: gioielli ora richiesti nelle categorie superiori

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

Arena tre, Spina due: cinque gol nelle ultime due partite. Sulla loro testa c’è una taglia perché stanno facendo sfaceli nelle difese avversarie. E proprio per quello che stanno combinando sono illegali e “wanted”, ricercatissimi. Veloci, saltano l’uomo, vanno in porta, servono assist, fanno gol. Da quando il Gubbio è tornato nel professionismo grazie alla vittoria nello storico spareggio al Curi contro il Poggibonsi (17 maggio 1987) nessuna coppia d’attacco rossoblù ha saputo marcare una media gol così alta (2,5 reti a match) in due partite consecutive. Il picciotto di Marina di Ragusa giocava in Eccellenza, il curaro (ragazzo nel dialetto calabrese) di Mileto indossava la maglia della Vibonese.

 

 

E su quest’ultimo il diesse rossoblù Mignemi svela un particolare: “Lo conoscevo già da un po’ e siccome ne avevo intravisto le qualità, volevo portarlo alla Sicula Leonzio. Ho continuato a seguirlo e quando c’è stata la possibilità ho fatto di tutto per tesserarlo con il Gubbio”. I due gioiellini, 44 anni in due (sono entrambi classe 2000), sono ormai sotto le lenti dei riflettori. “Se lo meritano - chiosa Mignemi - sono umili, seri, professionisti e devono continuare a impegnarsi senza fare altri pensieri strani. C’è un tempo per tutte le cose”.

 

 

L’avvocato Daniele Sorintano, il procuratore di Arena: “Finalmente Alessandro sta facendo quello che ho sempre pensato fosse in grado di fare. Con Braglia è diventato un giocatore più libero mentalmente. Il mio sogno? Vederlo in B con il Gubbio”. Ma a gennaio si riapre il mercato. “Fino a giugno non credo si farà nulla, e poi se addirittura si avvera il mio sogno…”. Mario Renzitelli, componente dell’entourage che assiste Marco Spina: “Tutto è iniziato un anno e mezzo fa con l’obiettivo di fargli fare un percorso di crescita. Per questo dopo due anni con la Vibonese il Gubbio e il girone B dove secondo noi avrebbe potuto esprimersi al meglio. Non mi sorprendono i due gol consecutivi, avrebbe potuto essere già a 4-5 reti segnate”.