Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Reggina-Perugia 2-3, gol di Melchiorri e Di Serio: blitz Grifo al Granillo

 Melchiorri in gol a Reggio Calabria Foto: lapresse

La squadra di Castori letale in contropiede, i padroni di casa provano a riaprirla nela finale

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Dopo quattro sconfitte consecutive il Perugia centra il suo secondo successo stagionale (il primo in trasferta) a spese della Reggina che in casa aveva sempre vinto senza mai subire una rete. Castori festeggia, così, il ritorno in panchina dopo l'esonero post derby e le dimissioni di Baldini al termine della gara persa con il Sudtirol. Al Granillo finisce 2-3 tra mille emozioni. 

 

 

La Reggina gioca prevalentemente sulla sinistra con Rivas e Menez pericolosi a più riprese, il Perugia si chiude nella propria metacampo pronto a colpire in ripartenza. Al 18' la sventola di Menez servito da Hernani è parata in due tempi da Gori, al 27' botta da fuori di Mayer e ancora il portiere del Grifo bravo a respingere. Nel mezzo, però, c'è il vantaggio dei biancorossi (19') dopo lungo consulto al Var: sul lancio di Sgarbi non c'è il tocco di Strizzolo e quindi Melchiorri tutto solo davanti a Colombi può realizzare il gol dell'1-0. La reazione dei padroni di casa è rabbiosa e sempre dalla sinistra il solito Rivas dopo aver saltato Curado, crea scompiglio in area ma il Perugia si salva. In finale di tempo ancora emozioni: sventola a giro (45') di Hernani su punizione con Gori che salva sulla traversa e poi sul tap in di Pierozzi. Prima il contropiede di Strizzolo (42') con conclusione da fuori sventata in angolo da Colombi. Il primo tempo si chiude sullo 0-1 con la squadra di Inzaghi a fare la partita e il Grifo a cercare gloria con veloci ripartenze. 

 

 

La ripresa inizia con un doppio intervento da campione di Gori che salva in area su Pierozzi e Hernani (54'), poi l'espulsione di Santoro (55') con Castori che toglie una punta (Strizzolo) e inserisce Luperini. Ma al 62' Melchiorri se ne va in contropiede, Cionek frana su di lui ed è rigore con il Cigno di Treia che realizza la sua doppietta personale. La Reggina non si dà per vinta e al 69' è ancora Gori a salvare la porta biancorossa deviando sul palo una conclusione a botta sicura di Cicerelli. Neanche sei minuti e il Perugia ne fa tre, sempre in contropiede con Di Serio (entrato per Melchiorri) che si beve la legnosa difesa di casa e segna su corta respinta di Colombi. Finita? Macchè, a 10' dal termine la Reggina prova a riaprire la partita con un colpo di Testa vincente di Gori (schierato nel secondo tempo) su cross dalla trequarti. E al minuto 87' Fabbian tutto solo sul secondo palo firma il 3-2 che precede l'assalto finale all'ama bianca dei calabresi. Ma il punteggio stavolta non cambia nonostante una traversa dei locali in pieno recupero e il Grifo torna a vincere.