Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ternana, la svolta dopo la sconfitta di Modena

coulibaly Foto:  lapresse

Da lì la rinascita con la squadra rossoverde ora a -2 dalla vetta

  • a
  • a
  • a

 “La parte più bella è vedere che siamo rimasti compatti”. Ruota tutto intorno a questo aspetto la disamina della vittoria di ieri da parte di Cristiano Lucarelli. Il mister della Ternana aveva chiamato a raccolta i suoi alla vigilia dopo aver visto due settimane con qualche piccolo segnale di appagamento post derby. Invece l’appagamento non ha trovato forma in campo con la Ternana brava a uscire, oltre che con i tre punti in tasca, con la terza volta in cui ha tenuto la porta inviolata in campionato: “Conoscere le qualità del Cittadella ci ha messo nelle condizioni di scendere in campo con la giusta condizione. Massima concentrazione che ci ha portato a concedere una sola occasione agli avversari. Nel calcio di oggi si devono avere intensità e gambe ma soprattutto mentalità. Bisogna archiviare ripartendo e pensando di partita in partita, missione che ci siamo prefissati da inizio stagione”.

 

E le differenze con l'anno corso sono sottolineate in conferenza stampa dallo stesso Lucarelli: “Dall’anno scorso abbiamo giocatori importanti capaci con una giocata di cambiare il risultato di una partita in qualsiasi momento. Quello che ci mancava era la compattezza in fase di non possesso. Quest’anno siamo sulla buona strada da questo punto di vista, riuscendo a rimanere in pochi metri e difendendo bene. A noi serve la giusta dose di compattezza per prendere pochi gol, perché comunque sia abbiamo la sensazione di poter segnare a chiunque, non a caso viaggiamo da quando sono arrivato a Terni intorno ai 180 gol in poco più di due anni. Mi piace giocare in maniera offensiva, ma è anche la terza volta che chiudiamo una gara senza subire gol, quindi da questo punto di vista stiamo facendo passi importanti”.

 

E ora la Ternana, dopo le tre vittorie consecutive, si trova nel cuore della zona playoff, a poche lunghezze di distanza dalle prime della classe. Sugli obiettivi stagionali, il ragionamento dell’allenatore delle Fere si conclude così: “Siamo solo all’inizio e dopo la sconfitta di Modena ci sembrava di essere partiti indietro rispetto ad altre formazioni. Invece in quel momento abbiamo serrato le fila, portando a casa tre vittorie consecutive con il pareggio in casa contro il Cosenza dove meritavamo qualcosa di più. Ripeto, ci vuole equilibrio e compattezza, e così una partita alla volta possiamo giocarcela con tutti. Sulla carta ci sono squadre più attrezzate, ma per fortuna il calcio si gioca su un campo in erba – sorride - . Noi crediamo di avere una squadra forte, dei ricambi forti, ma in questo campionato ci sono diverse squadre che possono ambire a vincere o a partecipare ai playoff”.