Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ternana, il rigore parato da Iannarilli fa il giro del mondo

Iannarilli è sotto contratto

La prodezza nel derby esaltata dalla telecronache brasiliane

Michele Fratto
  • a
  • a
  • a

A distanza di giorni, l’emozione per il rigore parato nel derby è ancora viva nella mente di Iannarilli. L’estremo difensore rossoverde è stato uno dei protagonisti della straregionale vinta dalla Ternana. Ma nel derby del portiere non c’è stato solo il rigore parato. Iannarilli si è disimpegnato aiutando la squadra con uscite alte e dando una mano ai difensori in ogni occasione. Una parata che, oltretutto, ha fatto il giro del Mondo, con la telecronaca dai canali televisivi brasiliani a esaltare ancora di più quanto successo. Antony a distanza di giorni ancora stai pensando al rigore parato? “L’emozione è stata fortissima, sia per il rigore che per la vittoria regalata a società, tifosi e città. Ora però il derby è passato, e da lunedì siamo concentrati sul prossimo impegno con il Cittadella”. 

 

Secondo rigore parato al Perugia, quale dei due più emozionante? “Non c’è paragone. Anche se l’anno scorso al Curi i tifosi rossoverdi non hanno fatto mancare il loro apporto, regalare quella gioia in casa davanti a oltre dodicimila presenze sugli spalti non ha prezzo”. La tua è stata una parata istintiva oppure frutto di un lavoro di studio dietro? “Devo ringraziare il preparatore Spinosa, con il quale ogni settimana noi portieri studiamo nei minimi dettagli gli avversari di turno. Poi certo, in quei momenti serve anche l’istinto. Mi sono detto lo tira in quella direzione, e alla fine l’ho parato”.  La parata ha fatto il giro del mondo con la telecronaca brasiliana, motivo in più per essere contenti? “Mi hanno fatto vedere il video e devo ammettere che mi ha caricato molto. Poi i telecronisti sudamericani sono molto passionali. Sicuramente un ricordo che mi porterò dietro per sempre, insieme alle emozioni di quella giornata che i tifosi della Ternana ci hanno regalato”. 

 

Il presidente Bandecchi, nel post partita, ha detto che il Perugia deve fare gli scongiuri quando ti vede. È vero? “Ho parato due rigori in Serie B e tutti e due al Perugia”. Nel derby hai aiutato molto i compagni anche con delle uscite fuori area. Il processo di miglioramento della fase difensiva continua? “Il mister, insieme allo staff tecnico, ha preparato bene la partita. Sapevamo che il loro gioco si sviluppa soprattutto in verticale, per questo sono rimasto alto per aiutare i compagni. Vogliamo assolutamente migliorare la fase difensiva rispetto all’anno scorso, e il mister ce lo ha sottolineato come priorità sin dal primo giorno di ritiro”.  Ora il Cittadella, partita ostica? “Partita difficile contro una squadra di categoria. Pur essendo in zona playoff non guardiamo la classifica perchè è ancora troppo presto. Vogliamo solo giocarsi le nostre chance al meglio partita dopo partita".