Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Federer, l'ultima partita: i video di lacrime, applausi e la commozione di Nadal. Il tennis saluta il più grande di tutti

Nicola Uras
  • a
  • a
  • a

Questo giorno, questa partita, doveva arrivare, prima o poi. Per Roger Federer e per il tennis. Così come inevitabilmente deve arrivare per ogni atleta in ogni sport. Il grande campione svizzero ha giocato a 41 anni la sua ultima partita da professionista, l’ha fatto in doppio con il suo grande amico e rivale di sempre Rafa Nadal.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Eurosport Italia (@eurosportitalia)

 

 

La coppia ormai ribattezzata sul web Fedal è stata sconfitta dagli americani Frances Tiafoe e Jack Sock, che si sono imposti con il punteggio di 4-6, 7-6, 11-9 nella sfida tra Europa e Resto del Mondo alla Laver Cup, ma quello che rimarrà sarà l'affetto che si è generato attorno a Federer. King Roger si è sciolto in lacrime e al centro del campo ha ricevuto l’abbraccio di compagni, avversari e del pubblico. Particolarmente commosso il rivale di tante battaglie, Rafa Nadal, e molto toccante è stato il momento in cui Federer ha ringraziato la sua famiglia, "potevi fermarmi ma non l'hai fatto, sei fantastica" ha detto alla moglie Mirka.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Eurosport Italia (@eurosportitalia)

 

 

L’addio al tennis della leggenda svizzera, vincitore di 20 titoli del Grande Slam, 103 titoli nel tour maschile, con 1.251 vittorie in partite di singolo, secondo solo a Jimmy Connors nell’era Open. Tra gli altri record, quello del più anziano numero uno del Mondo a 36 anni nel 2018 e le 10 finali consecutive del Grande Slam, vincendone otto, dal 2005 al 2007. Federer ha annunciato il suo addio nel corso di un toccante videomessaggio sui social la scorsa settimana, spiegando che il suo ginocchio destro, operato per ben tre volte, non è in grado di permettergli di continuare a giocare. E ora tutti - riguardando compulsivamente le sue giocate magiche sul web - si interrogano sul futuro del tennis senza il suo profeta per eccellenza, consapevoli però di aver già la risposta alla domanda su chi è il più forte tennista di tutti i tempi.