Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

MotoGp, Bagnaia vince a Misano: è poker. Quartararo quinto, mondiale ancora aperto

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Pecco Bagnaia vince ancora. Quarta di fila per il numero 63 della Ducati, che nel gran premio di San Marino e della Riviera di Rimini taglia il traguardo davanti a tutti e accorcia sempre di più il gap nella classifica mondiale. Il torinese precede sul traguardo un fantastico Enea Bastianini, secondo di un nulla, e Maverik Vinales, mentre Luca Marini ha chiuso quarto davanti a Fabio Quartararo, leader del mondiale, ma ormai costantemente in difesa grazie alla forza di Pecco e della Ducati. Adesso il francese, campione del mondo in carica, ha 30 punti di vantaggio su Bagnaia, che con i 25 punti di oggi ha superato Aleix Espargaro (sesto al traguardo). Quarto, invece, Bastianini, futuro compagno di squadra di Bagnaia.

 

 

"È stato bellissimo. All’inizio facevo molta fatica con il grip, poi ho visto che con il diminuire della benzina migliorava la sensazione giro per giro. Enea era velocissimo e molto vicino, sono molto felice di questa vittoria", ha detto Bagnaia a caldo. "Mi sento bene, ho cercato di vincere all’ultimo giro, ma Pecco è stato incredibile, ha spinto tantissimo. Sono contento perché credo che abbiamo fatto un’ottima gara, e siamo andati migliorando, giro dopo giro", il commento invece di Bastianini. Con la vittoria odierna, Bagnaia è entrato nella storia della Ducati: mai nessuno aveva mai vinto quattro gare consecutive in sella a una Desmosedici.

 

 

Ma la gara di oggi è stata anche l'ultima in MotoGp per Andrea Dovizioso, che ha deciso di chiudere la sua carriera nel motomondiale. "Sono riuscito a essere teso anche all’ultima gara e mi chiedevo il perché. Sono partito abbastanza bene, all’inizio non riesco a sfruttare la moto ma sono stato costante, non volevo farmi superare: ho spinto fino alla fine. Ultimo giro emozionante, pensavo di viverla in maniera più normale. Fino all’arrivo sei talmente dentro che non te ne accorgi, le ultime curve me le sono godute: è stato bello - ha detto ai microfoni di Sky Sport - Bagnaia e Bastianini? Io e Vale lasciamo in mani molto buone, sono ragazzi fortissimi".