Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Europei di nuoto, chi sono gli atleti andati a medaglia oggi, venerdì 12 agosto. Oro per Panziera, Ceccon, Martinenghi e Quadarella, d'argento Poggio e la 4x100 mista mista

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

L'Italia fa forza quattro nella seconda giornata degli Europei di nuoto in corso a Roma in questi giorni. Oggi, venerdì 12 agosto, è poker di medaglie d'oro, in un pomeriggio tutto a tinte azzurre. Sì, perché oltre ai trionfi ci sono anche due secondi posti, che confermano quanto sia in forma il movimento dopo l'exploit agli ultimi mondiali. A salire sul gradino più alto del podio sono stati Margherita Panziera, Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi e Simona Quadarella, con Federico Poggio e la staffetta 4x100 mista mista che si sono dovuti accontentare della piazza d'onore. 

 

 

Pronti via e Margherita Panziera fa suonare il primo inno di Mameli nei 200 dorso con il tempo di 2'07"13. Secondo posto per l'inglese Katie Shanahan, mentre il bronzo va all'ungherese Dora Molnar. Terzo oro europeo per lei, nel giorno del suo compleanno. "Sono contentissima di aver vinto il terzo oro a Roma - sottolinea la primatista italiana -. Sapevo di non valere un gran tempo, ma va benissimo così. È anche il mio regalo di compleanno, oggi compio 27 anni, poi qui a Roma con questo tifo pazzesco che non si trova da nessun'altra parte al mondo. Ormai sono otto anni che mi alleno qui ed è diventata la mia casa". A bissare il suo risultato è stato Thomas Ceccon: il campione del mondo in carica nei 100 dorso ha deciso di non fermarsi più e di prendersi la medaglia d'oro nei 50 farfalla, nuotando in 22"89 davanti al francese Maxime Grousset e al portoghese Diogo Matos Ribeiro. Una medaglia storica, visto che mai nessun italiano aveva centrato il podio nella farfalla europea. "Ho sempre detto che il 50 si può vincere o perdere, fortuna o non fortuna, si gioca sui centesimi. Oggi è andata bene a me, mi sentivo molto bene", ha commentato a caldo Ceccon.

 

 

Quindi, la doppietta nei 100 rana: oro per il campione del mondo Nicolò Martinenghi, argento per l'altro azzurro Federico Poggio e la garanzia che la rana italiana non abbia rivali al mondo in questo momento, né al maschile (dove oltre ai due medagliati ci sono, tra gli altri, Fabio Scozzoli, Alessandro Pinzuti e Andrea Castello), né al femminile, visto che le prime quattro a livello continentale sono azzurre: Benedetta Pilato, Lisa Angiolini, Martina Carraro e Arianna Castiglioni. Le portacolori azzurre hanno chiuso in queste posizioni le batterie dei 100 rana, ma solo le prime due - per motivi di regolamento - hanno potuto partecipare alla semifinale e centrare la finale che sarà in programma domani pomeriggio, sabato 13 agosto. "Sono felicissimo, anche se mi aspettavo di nuotare più veloce. Questa medaglia ha un peso importante, poiché arriva al termine di una stagione lunga", ha detto Martinenghi. Commosso Poggio: "È tutto incredibile. Mi sono tornati in mente i tempi degli eurojunior quando gareggiavamo insieme a Nico ed eravamo sempre sul podio". A seguire il quarto oro di giornata della padrona di casa Simona Quadarella negli 800 stile libero. Per Quadarella è una storica tripletta: mai nessuno aveva vinto gli 800 in tre Europei consecutivi. Alle sue spalle la tedesca Isabel Marie Gosee la turca Merve Tuncel. "È stato molto bello, davvero emozionante, sono contenta di aver vinto - ha detto Quadarella -. Speravo un po' meglio con il tempo ma va bene così. L'ultimo 100 ho sentito fortissimo il tifo del pubblico. Riconfermarsi secondo me è la cosa più difficile e più bella nello sport". Infine, l'argento della staffetta 4x100 mista mista dietro all'Olanda e davanti alla Gran Bretagna. Se chi ben comincia è a metà dell'opera, l'Europeo dell'Italia regalerà ancora tante soddisfazioni.