Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Parte il calcio regionale con una novità: la Juniores in campo di mercoledì

Foto: Testa

E Prima e Seconda categoria potrebbero giocare di sabato

Luana Pioppi
  • a
  • a
  • a

Saranno 115 le squadre di Eccellenza (17), Promozione (34 suddivise in 2 girone da 17) e Prima categoria (62, suddivise in 4 gironi da 16) che parteciperanno ai rispettivi campionati organizzati dal Comitato regionale Umbria della Figc Lnd. L’Eccellenza scenderà in campo il prossimo 4 settembre, il girone di andata si chiuderà domenica 11 dicembre mentre quello di ritorno il 7 maggio 2023. Dopo solo una settimana aprirà i battenti anche il campionato di Promozione (domenica 11 settembre). Le prime 17 giornate si chiuderanno domenica 18 dicembre mentre il girone di ritorno terminerà domenica 14 maggio 2023. 

 

Le 64 squadre dei quattro gironi di Prima categoria cominceranno a giocare domenica 11 settembre. In questo caso le 15 giornate del girone di andata si concluderanno domenica 18 dicembre mentre quelle di ritorno domenica 30 aprile 2023. Per quanto riguarda la Prima categoria, con la fusione di due squadre di Spoleto, c’è stato il ripescaggio del Ponte Pattoli (girone A) per rinuncia del San Mariano. Tutte le squadre, tranne che il Ciconia (Prima categoria), prenderanno parte alla Coppa Italia che comincerà il 28 agosto. Tutti i dettagli dei campionati e della Coppa Italia sono stati presentati alla stampa e alle società dal presidente del Comitato umbro, Luigi Repace, che, prima di scendere nei dettagli, ha annunciato la prima novità della stagione. “Il consiglio regionale ha preso una decisione importante: il campionato Juniores A1 quest'anno giocherà infrasettimanale grazie all’adesione della maggior parte delle società iscritte. E’ una decisione tecnico amministrativa – prosegue Repace – che ci servirà a risolvere un doppio problema perché da un lato avremo più giovani disponibili e convocabili per le partite delle squadre maggiori e, d'altra parte, consentiremo agli arbitri di poter ruotare e coprire più agevolmente le partite in calendario, in virtù del calo di tesserati Aia, che registriamo da qualche anno.

 

"Ringrazio ancora una volta le società per aver permesso questa cosa innovativa. Ora stiamo aspettando di completare il girone Juniores di A2, con il quale speriamo di replicare quanto fatto con l’A1. Stessa cosa per la Prima e Seconda categoria. Alcune società ci hanno chiesto di giocare di sabato”.  “Speriamo che questo sia anno rinascita – conclude Repace – che si possa tornare a giocare nella normalità e che si possa effettivamente ripartire con un anno a pieno ritmo”.