Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sir, Anastasi su Semeniuk: "Cinque anni fa era un giocatore normale, ora è un campione"

 anastasi Foto: benda

Il neo tecnico di Perugia: "Il polacco ha fatto progressi straordinari"

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Esperienza, idee chiare, un passato tra club e nazionali che non guasta, capacità di confronto con altri sport e consapevolezza di avere tra le mani una squadra più forte di quella della passata stagione. Andrea Anastasi, 62 anni, da Poggio Rusco, si presenta ufficialmente ai tifosi della Sir. E lo fa senza nascondersi: “Ho un team rinforzato – spiega il nuovo allenatore di Perugia -, grazie agli arrivi di Semeniuk e Flavio. Al centro siamo molto competitivi considerando anche il recupero di Russo.

 

"Lo schiacciatore polacco è straordinario -continua Anastasi -.  Cinque anni fa era un giocatore normale, nell’ultimo periodo ha avuto un’evoluzione costante e spaventosa che lo ha portato al meritato titolo di mvp nella finale di Champions. I giocatori polacchi sono così, studiano, si applicano, sono metodici e crescono in maniera significativa. Ora andranno trovati i giusti equilibri perché Semeniuk e Leon hanno posizioni simili e poi c’è Plotnytskyi altro giocatore che a me piace tantissimo: abbiamo tre grandi attaccanti insieme a uno dei migliori palleggiatori al mondo (Giannelli) che sta facendo molto bene in questi giorni nella Vnl. E’ vero, ci sono anche altre squadre al nostro livello come Lube, Piacenza, Trento, vedremo Modena e Milano. Ma è chiaro che la Sir è una grande squadra”.