Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Greg Paltrinieri nella leggenda del nuoto, chi è la fidanzata Rossella Fiamingo

  • a
  • a
  • a

Una dieci chilometri da sogno regala all’Italia del fondo un’autentica prova di forza ai Mondiali di Budapest. Più forte di tutto, del caldo torrido (36 gradi, 28 in acqua), della stanchezza e della fatica dopo dieci giorni di gara tra piscina e acque libere, Gregorio Paltrinieri sale sul tetto del mondo nella prova olimpica del Lupa Lake di Budapest fregiandosi, dopo quello nei 1500 stile libero in piscina, anche del titolo iridato più importante nel fondo come mai nella storia azzurra al maschile, considerato che l’unica medaglia fu quel bronzo di Marco Formentini nel 2001 a Fukuoka. L’oro nella dieci chilometri lo vinse solo Viola Valli nella storica doppia doppia tra 2001 e 2003. È la quarta medaglia qui dell’immenso olimpionico 28enne carpigiano, che aveva iniziato dieci giorni fa in piscina con le batterie degli 800 stile libero (quarto), ma poi aveva alzato la voce nei 1500 stile libero; la staffetta 4x1.5 km (bronzo) per aprire una tre giorni da favola condita dall’argento nella 5 km e l’ennesima impresa di un’atleta no limits che solo tre anni fa si affacciava per la prima volta su questa distanza a Gwangju (sesto). Il bronzo olimpico a Tokyo chiude in 1h50"56’8. Insieme a lui il compagno di allenamenti nel gruppo di Fabrizio Antonelli, Domenico Acerenza, già bronzo in staffetta e quarto nella 5 km.

 

"È un sogno, primo e secondo: la cosa più bella che potesse capitare. Sentivo che Mimmo era dietro di me, lo riconosco da come mi tocca i piedi. All’arrivo stavo godendo". Queste le parole di Gregorio Paltrinieri dopo la vittoria nella 10 km in acque libere ai mondiali di Budapest davanti al compagno di squadra e di allenamenti Domenico Acerenza. "La mia strategia era lasciar fare a Wellbrock all’inizio e poi giocarmela negli ultimi 1500 metri - spiega il 27enne carpigiano delle Fiamme Oro ai microfoni di Rai Sport -. Fare primo e secondo è la cosa più bella, siamo migliori amici. Ci siamo allenati 10 anni insieme, è stupendo". Una rassegna iridata trionfale, quattro medaglie di cui due d’oro, partita con un deludente quarto posto negli 800 stile libero. !Ti vengono dubbi e preoccupazioni dopo una gara del genere ma volevo dimostrare di poter ancora dare qualcosa. Dopo quella gara pensavo di tornare a casa con zero medaglie, avevo nuotato proprio male. Mi è servita però per rompere il ghiaccio e ripartire".

 

Ma chi è Gregorio Paltrinieri? Originario di Carpi, 28 anni da compiere a settembre, Ha vinto la medaglia d'oro nei 1500 stile libero in vasca alle Olimpiadi di Rio de Janeiro (2016), più l'argento negli 800 metri in vasca  e il bronzo nella 10 chilometri in acque libere alle Olimpiadi di Tokyo quando però fu frenato da una mononucleosi smaltita solo a ridosso della rassegna olimpica. Si tratta terzo atleta della storia a riuscire a vincere una medaglia, nella stessa edizione dei Giochi, sia in piscina che in acque libere. In carriera vanta anche cinque medaglie d'oro ai Mondiali e otto agli Europei. La passione per il nuoto deriva dal rapporto con il padre, ex nuotatore agonista e gestore della piscina di Carpi, e dalle loro continue sfide, che lo hanno spronato nel continuare a nuotare e a migliorare. Grande amico del cestista Gigi Datome e del saltatore Gianmarco Tamberi, Fidanzato con Letizia Ruoli per diversi anni, dallo scorso anno fa coppia con Rossella Fiamingo, spadista azzurra siciliana e anche lei medagliata olimpica. Rossella è anche dietista.