Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Malagò e il Coni fanno tappa a Perugia

 Malagò al Castello di Solfagnano Foto: Belfiore

Oggi la giunta nazionale a Palazzo dei Priori, ieri incontro con gli atleti umbri e cena al Castello di Solfagnano

  • a
  • a
  • a

Il tour della Giunta Nazionale del Coni fa tappa a Perugia. Dopo aver toccato 18 delle 21 sedi territoriali, è il turno del capoluogo umbro ospitare la riunione numero 1.127, in programma stamattina alle ore 10 presso la Sala della Vaccara di Palazzo dei Priori. Ieri, intanto, il numero 1 dello sport nazionale, Giovanni Malagò, ha toccato diversi temi intervenendo dal Castello di Solfagnano, il teatro di una cena istituzionale che ha preceduto il programma odierno di lavori. Una location estremamente apprezzata dal presidente del Coni che appena arrivato si è informato sulle origini del posto, ne ha apprezzato l’imponenza e l’eleganza della struttura, le vigne circostanti e lo spettacolare panorama da mille e una notte. “Ci mancavano tre regioni, l’Umbria era una di queste - argomenta Malagò -. Lo sport si fa sul territorio. Qui e Covid permettendo, vengo con una frequenza importante, era doveroso che anche i colleghi della Giunta (di cui fa parte anche l’umbro Luciano Rossi della Federazione italiana Tiro a Volo, ndr), respirassero questa realtà incredibile di associazioni sportive, di volontari, dirigenti, atleti e atlete. Domani (oggi, ndr) ci sarà la Giunta con una serie di delibere importanti”. Il presidente del Coni spende parole al miele per il movimento sportivo regionale. “L’Umbria è un riferimento importante. Penso ad Assisi, a Piediluco, c’è un realtà di tiro a volo incredibile, il tennis tavolo a Terni, Norcia con la scherma. In un territorio così particolare e meraviglioso si sono saputi trovare luoghi ideali per mettere in condizioni gli atleti di vertice di potersi allenare. L’Umbria è stata brava. Questa regione è fatta da gente molto seria”.

 

Prima della cena, il presidente ha fatto tappa alla Lnd di Prepo dove, accolto dal presidente del Coni regionale, Domenico Ignozza, erano presenti 200 rappresentanti del movimento sportivo regionale. L’incontro svoltosi all’auditorium, si è aperto con un omaggio a Mario Capociuchi. “E’ stata una festa. C’erano società di tutte le discipline. Un po’ tutta la comunità”.  Malagò si sofferma anche sul progetto Universiadi in Umbria, nato da una recente idea del rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Maurizio Oliviero, che di recente ha proposto di farle in Valnerina. “Il vero argomento di complessità è la parte abitativa, quella legata agli alloggi, perché le Universiadi hanno gli stessi numeri dell’Olimpiade, dove si costruiscono dei villaggi che poi vengono destinati, ad esempio, ad alloggi universitari. Questo è l’argomento del contendere. A Napoli questa cosa non hanno ritenuto giusto farla o non hanno fatto in tempo a farla, hanno preso due barche che erano ancorate nel porto. E questo non mi sembra che in Umbria si possa fare…”.