Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stefano Tacconi, le condizioni migliorano e lui scrive un biglietto per la moglie

  • a
  • a
  • a

Continuano a migliorare le condizioni di salute di Stefano Tacconi. L’ex portiere della Juventus, originario di Perugia e ricoverato nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Alessandria dopo l’emorragia cerebrale da rottura di aneurisma che lo ha colpito lo scorso 23 aprile, è stato nuovamente sottoposto a intervento chirurgico nella giornata di lunedì. Un intervento previsto nel suo percorso di cure e non dovuto a un peggioramento clinico, anzi le condizioni di Tacconi sono in miglioramento come ammesso dal figlio Andrea sui social. "Subito dopo l’operazione papà ha fatto capire di voler scrivere qualcosa. S+L (l’iniziale sua e di mia mamma) con love", ha scritto in una storia su Instagram Andrea Tacconi, pubblicando la foto del biglietto scritto dal padre.

 

 

Come detto, lunedì l'ex numero uno della nazionale era stato operato, un intervento "per svincolare Stefano dal drenaggio esterno ventricolare cerebrale posizionato in precedenza per l’emorragia, permettendogli così di avviarsi al percorso di riabilitazione - aveva spiegato in una nota Andrea Barbanera, direttore della struttura di Neurochirurgia, che sta trattando Tacconi - Non si è quindi trattato di un’operazione dovuta a una complicanza del suo stato di salute, ma una conclusione già prevista del suo percorso di cura. Ora dovrà affrontare alcuni giorni di decorso post-operatorio e poi, se non ci saranno complicazioni, potrà iniziare la riabilitazione".

 

 

Fin da subito sono stati tanti i messaggi di incoraggiamento arrivati dai tifosi di tutta Italia nei confronti di Tacconi. I tifosi della Juventus in più di una occasione hanno esposto striscioni allo stadio, mentre anche altri supporters di squadre italiane sono stati vicini alla famiglia del portiere, sia con lettere che con commenti sui social che il figlio ha ricondiviso per ringraziare più di una volta.