Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lancia acqua all'arbitro, dirigente dell'Ellera fermato fino a dicembre: due club multati per rissa

  • a
  • a
  • a

La stagione è ormai agli sgoccioli ma c’è ancora tanto lavoro per il giudice sportivo dell’Umbria. Ecco le principali decisioni adottate ieri in relazione alle gare dello scorso weekend.
ECCELLENZA Squalifica fino al 30 novembre per Andrea Maurizi, dirigente dell’Ellera, perché domenica scorsa durante la finale play off di Lama veniva “allontanato dal terreno di giuoco per comportamento irriguardoso nei confronti dell'arbitro - si legge nel comunicato del Cru -, poi lanciava dell'acqua (da una bottiglietta) in direzione dell'arbitro attingendolo al viso”.
 

 

PROMOZIONE Ammenda di 300 euro al Casa del Diavolo e al Selci “perché al termine della partita, numerosi tesserati di detta società (circa 6-7) partecipavano ad una rissa (fatta di spintoni, urla e minacce) con tesserati dell'altra squadra. Sanzione diminuita per il pronto intervento dei dirigenti di entrambe le squadre che dopo alcuni minuti riuscivano a riportare la calma”. 
PRIMA CATEGORIA Ammenda di 300 euro al Padule San Marco “perché al termine della gara alcuni calciatori della società Padule San Marco lanciavano acqua nella parte posteriore della macchina del predetto ed alzavano il tergicristallo posteriore senza tuttavia provocare danni”.
 

 

UNDER 17 A1 Il Foligno è stato escluso in extremis dal campionato perché non si è presentato nel match in casa dell’Olympia Thyrus. “La gara non veniva disputata in quanto, senza alcuna giustificazione, il Foligno calcio non si recava al campo di gioco; detta rinuncia costituisce la seconda del campionato - si legge nel comunicato - e a tale violazione consegue la sanzione della perdita della gara, nonché esclusione dal campionato e l’applicazione delle ulteriori sanzioni previste dall'articolo 53 delle Noif”.