Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio, Italia ripescata ai Mondiali? Gravina: "Nessuna possibilità"

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

L'Italia non andrà ai Mondiali di calcio in Qatar. Chi sperava in un possibile ripescaggio dovrà farsene una ragione. Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, al termine del Consiglio federale di oggi - mercoledì 18 maggio - è stato chiarissimo in merito. "Percentuale di possibilità di essere ripescati ai Mondiali? Lo 0%. C’era un’ipotesi remota prevista. Ma l’Europa ha 13 posti disponibili e li ha occupati tutti e 13, è evidente che, se si dovesse liberare un posto in Sud America andrà una sudamericana, inutile alimentare aspettative infondate. Abbiamo sentito la Fifa per darci una momento di ebrezza ma la risposta è stata negativa".

 

 

L'ipotesi cui fa riferimento Gravina è quella relativa alla possibile squalifica dell'Ecuador, accusato dalla Colombia di aver schierato in campo un calciatore sotto falsa identità e di un'altra nazionalità. Ma come ricordato dal numero uno della Federazione, se esclusione sarà, ad essere ripescata sarà una selezione Sudamericana.

 

 

"Siamo usciti fuori per demerito, meritatamente. Siamo fuori perché non abbiamo battuto le dirette concorrenti. Chi vince la competizione della sua confederazione forse è giusto che partecipi ai mondiali di diritto ma oggi le regole del gioco sono molto chiare", ha aggiunto. Una considerazione condivisibile, quella fatta da Gravina. Meno condivisibile, invece, il fatto che dopo due mesi non sia "saltata" qualche testa come avvenne nel 2018 con Tavecchio e Ventura. Perché se quella, all'epoca, venne considerata come la pagina più buia del calcio italiano dal 1968, questa, probabilmente, è ancora peggiore, proprio perché arrivata pochi mesi dopo la vittoria dell'Europeo.