Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sir volley, c'è aria di cambiamento

 Grbic e Leon Foto: benda

Dopo la sconfitta nella finale scudetto contro Civitanova possibili novità in vista

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Rabbia e delusione. Ce n’è da vendere in casa Sir dopo l’amaro epilogo della finale scudetto persa con Civitanova. Una serie iniziata malissimo ma riaperta dopo la convincente prestazione di domenica scorsa al PalaBarton. Un fuoco di paglia che non ha trovato conferme nella notte di mercoledì dove una squadra arrendevole si è consegnato da subito agli eterni rivali marchigiani. Eccola, allora la rabbia. Unita a tanta delusione. Perché la Sir macchina da guerra perfetta che ha imperversato per la quasi totalità della stagione, si è lasciata clamorosamente andare nel finale. Prima vittorie seriali in regular season (dominata in lungo e in largo), poi l’esecuzione perfetta della fase a gironi di Champions, infine il trionfo in Coppa Italia. Tutto faceva presagire a un finale entusiasmante e ricco di quei trofei che mancano da un po’ o che ancora devono essere conquistati. Niente di tutto questo.

 

La Sir si è persa sul più bello, se vogliamo un po’ come successo lo scorso anno (anche se le due stagioni non sono paragonabili per tanti motivi).  E Gino Sirci che tanto ha investito nella stagione non è tipo che si accontenta di una Coppa Italia quando gli obiettivi erano di gran lunga superiori. E’ vero, ci sono anche gli avversari, forti e combattivi, più o meno allo stesso livello. Ma quello che fa discutere è il crollo iniziato nella fase play off: “Un finale di stagione ridicolo – ha detto Gino Sirci, presidente dei Block Devils -, sottotono e al di sotto delle nostre possibilità. Abbiamo giocato male in tutti i fondamentali. Il rammarico è grande perchè abbiamo fatto bene all’inizio e non quando contava davvero. E ora tutti si chiedono perché”. Ecco, allora, i sentimenti di delusione e rabbia che tornano anche nelle parole presidenziali e che fanno presagire provvedimenti di non poco conto. Grbic ha un altro anno di contratto ma la sua posizione potrebbe vacillare: “Il coach? Vedremo”, ha risposto enigmaticamente Sirci. “Resto? Non lo so”, ha detto invece proprio il tecnico serbo. Saranno le prossime ore a chiarire tutto ma la sensazione è che ci sia aria di cambiamento in casa Block Devils. E la questione potrebbe andare al di là della guida tecnica. Compreso il coinvolgimento di giocatori sotto contratto.