Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mancini sul futuro: "Ho ancora voglia di Nazionale, allineati con la Figc". L'amico Vialli sui social: "Ti voglio più bene adesso che in luglio"

  • a
  • a
  • a

Roberto Mancini non scioglie del tutto le riserve, ma tutto lascia pensare che sarà ancora lui il commissario tecnico della Nazionale. Nell’attesa conferenza stampa in vista dell’inutile gara con la Turchia, a Konya, Mancini è sembrato orientato a onorare il contratto che lo lega alla Federazione fino al 2026. Guarda caso proprio i Mondiali a cui si spera riuscirà questa volta a portare gli Azzurri. Certo resta la delusione per aver fallito l’appuntamento in Qatar, prima dilapidando un vantaggio rassicurante nella classifica del girone e poi perdendo a Palermo il primo spareggio contro la non certo insuperabile Macedonia del Nord.

 

 

"Abbiamo parlato con il presidente, siamo allineati su tutto. Poi ne riparleremo nei prossimi giorni, prima pensiamo alla partita con la Turchia e poi ragioneremo su tutto. Anche su quello che c’è da migliorare", ha esordito Mancini in conferenza. "Bisogna ripartire, poi con calma discuteremo sulle cose da migliorare", ha aggiunto. Anche se l’amarezza sarà difficile da smaltire in tempi brevi, Mancini ha voluto ribadire che non tutto è da buttare di questo suo percorso in Nazionale. "Mi fa piacere che il lavoro di questi quattro anni sia stato apprezzato, con un Europeo vinto meritatamente e giocando meravigliosamente. Un ciclo di tre anni con il record di partite senza sconfitte, quindi bisogna dare atto ai ragazzi per quello che hanno fatto", ha detto il ct. "Quella attuale è una squadra che, con qualcuno dentro, poteva giocare per vincere il Mondiale. Si era creato un gruppo perfetto per arrivare al successo. Ma il calcio è così", ha aggiunto. Si riparte allora dai giovani, quei giovani in cui il Ct ha sempre dimostrato di credere: "Inseriremo sicuramente ragazzi più giovani, sperando possano avere esperienze importanti nei loro club perché questo è fondamentale". Perché il ct ha ancora bene in testa l’obiettivo. "Volevo vincere un Europeo e un Mondiale. Per il Mondiale bisogna rinviare, ma mi piace il lavoro che faccio e penso posso divertirmi ancora molto per poter realizzare qualcosa di importante", ha dichiarato. 

 

 

"Ti voglio più bene adesso di quanto te ne volessi a luglio... buona fortuna per la partita di domani". Il capo delegazione Gianluca Vialli, attraverso il proprio profilo Instagram, si esprime così sul ct Roberto Mancini, dopo la mancata qualificazione al Mondiale arrivata a meno di 9 mesi dal successo all’Europeo. Un post già diventato virale sui social.