Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Italia, disastro Nazionale. E se Mancini decidesse di lasciare? E' già scattato il toto nome: le soluzioni per la panchina azzurra

  • a
  • a
  • a

Se il commissario tecnico Roberto Mancini decidesse di lasciare la guida della Nazionale azzurra, chi prenderebbe il suo posto? Come sempre accade in questi casi, è già scattato il toto nome. La disfatta di Palermo contro la Macedonia del Nord e la mancata qualificazione alla fase finale dei campionati mondiali hanno l'effetto di un uragano sugli azzurri, campioni d'Europa meno di un anno fa. Mancini ha dichiarato di aver subìto la più grande delusione della sua carriera e per ora non ha voluto parlare del futuro. Il presidente della Federazione, Gabriele Gravina, lo ha invitato a restare, ma non è detto che tale invito venga accolto. Il ct è professionalmente giovane (57 anni) e avrà grande voglia di rivincita. Non è detto che sia disposto ad attendere quattro anni per rifarsi, tra l'altro rinunciando alle importanti somme che guadagnerebbe sulla panchina di un club.

Futuro tutto da scrivere, insomma. Ma se il ct decidesse di andarsene, chi prenderebbe il suo posto? Secondo l'analisi della Gazzetta dello Sport, la Federazione avrebbe tre possibilità. Un successore fatto in casa, un tecnico esperto oppure uno sulla stessa linea di Mancini, un "giochista", capace di dare seguito al lavoro fatto fino a ora. Sì, ma i nomi? Iniziano a spuntare anche quelli. La soluzione interna sarebbe la promozione di Fabio Cannavaro (nella foto), bandiera azzurra, calciatore plurivittorioso, 136 presenze in nazionale alle spalle. Non è un tecnico federale, ma ha già maturato esperienze e potrebbe essere affiancato da Marcello Lippi nel ruolo di direttore tecnico. 

Se la scelta cadesse su un allenatore di altissimo livello, fortemente legato alla nazionale, il primo nome della lista sarebbe quello di Carlo Ancelotti. Di soddisfazioni con i club se ne è tolte di tutti i tipi e dopo aver vinto qualsiasi competizione, a 62 anni, potrebbe essere ingolosito da una esperienza sulla panchina della sua Nazionale con cui da giocatore arrivò al terzo posto a Italia '90. Difficile comprendere in questa fase gli altri nomi della lista. E se invece si decidesse di puntare sulla linea tracciata da Roberto Mancini? In questo caso forse sarebbe lui stesso ad aiutare la federazione a individuare il suo successore.