Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rugby, storica impresa dell'Italia nel Sei Nazioni: vince in Galles all'ultimo secondo. Lacrime di gioia| Video

Julie Mary Marini
  • a
  • a
  • a

Una bella impresa. La nazionale di rugby dopo sette anni di sconfitte consecutive, torna a vincere nel Sei Nazioni e lo fa addirittura in trasferta, espugnando lo stadio di Cardiff e battendo per la prima volta nella storia il Galles nella sua roccaforte. Finisce con un solo punto in più: 22-21. Ma è un punto che vale più dell'oro e che rintuzza le critiche che negli ultimi anni sono piovute come grandine, addirittura ipotizzando l'espulsione dell'Italia dal torneo per manifesta inferiorità. 

Gli azzurri, guidati da Crowley, hanno giocato una stupenda partita, portando in campo agonismo, rabbia, forza, ma anche una lucidità tattica che non si vedeva da anni. Una squadra efficace e decisa in attacco, solida in difesa. All'ultimo minuto con un guizzo di Capuozzo, l'Italrugby ha centrato lo storico successo. Giovane talento di origini francesi, si è inventato una giocata capace di schiantare i difensori gallesi, poi ha liberato Padovani, in meta sotto i pali. Poi la trasformazione. Stadio sotto shock, squadra di casa compresa e ovviamente azzurri con le lacrime agli occhi. Alla fine Adams ha raggiunto Capuozzo e gli ha consegnato il premio di Player of the Match. Un gesto da incorniciare.

"Il nostro è un gruppo giovane, ma anche serio e crede nel progetto a cui stiamo lavorando. Nemmeno dopo diverse sconfitte si è mai arreso. Nelle vittorie non c'è mai nulla di casuale. Tutti oggi hanno giocato benissimo e finalmente il campo ha pagato". Queste le parole al termine della gara del capitano Michele Lamaro. E ancora: "E' una vittoria importante per tutto il movimento e per i ragazzi. Siamo un gruppo con un unico obiettivo. Dobbiamo goderci questo momento perché non ce ne sono tanti". L'Italia resta ultima ma evita l'ennesima umiliazione di un Sei Nazioni di sole sconfitte. Contento il ct Kieran Crowley, alla prima gioia della sua gestione: "Siamo felicissimi e io sono felicissimo per questi ragazzi, che se la sono davvero meritata. Non deve però essere così sorprendente questa vittoria, per quanto ovviamente importantissima: questo gruppo ha lavorato tantissimo e con una dedizione assoluta per tutto il Torneo, e non deve essere solo questo risultato a determinare il giudizio complessivo".