Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lorenzo Casini, chi è il nuovo presidente della Lega Serie A e Capo di Gabinetto del ministero della Cultura

  • a
  • a
  • a

La Lega Serie A ha trovato il suo nuovo presidente: è Lorenzo Casini, che prende il posto del dimissionario Paolo Dal Pino. Con undici voti, Casini ha battuto la concorrenza di Andrea Abodi, presidente dell'Istituto di Credito Sportivo ed ex presidente della Lega Serie B. Si apre quindi un nuovo corso per la massima serie italiana.

 

 

Casini, 46 anni, è professore ordinario di Diritto amministrativo presso la Scuola Imt Alti Studi di Lucca. Avvocato, attualmente ricopre il ruolo di Capo di Gabinetto del ministero della Cultura (MIC) guidato da Dario Franceschini. Docente di diritto amministrativo e organizzazione e funzionamento della pubblica amministrazione e Responsabile dell’Area giuridica nella Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA), è Co-President dell’International Society of Public Law (ICON-S).

 

 

Tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014, Casini è stato membro del gruppo di lavoro orizzontale sull’Organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nell’ambito dell’attività di spending review diretta dal Commissario Carlo Cottarelli presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dall’ottobre 2009 al giugno 2014 è stato assistente di Studio del Giudice Prof. Sabino Cassese, presso la Corte Costituzionale della Repubblica Italiana. In ambito sportivo dal 2014 al 2019 è stato Componente del Collegio di Garanzia dello Sport, III Sezione (competente in materia di questioni amministrative, ivi comprese quelle relative alle assemblee e agli altri organi federali, inclusi i procedimenti elettivi e il commissariamento). Al nuovo presidente sono arrivati i complimenti e gli auguri del presidente del Coni, Giovanni Malagò, e di Gabriele Gravina, numero uno della Figc. "È sempre positivo quando c’è un presidente, mi sembra che era qualcosa di indispensabile e per certi versi doveroso. In bocca al lupo, ci auguro buon lavoro, c’è tanto da fare ma penso che lui lo sappia. La prima cosa da fare? I nodi al pettine per le problematiche della Lega li sanno tutti gli appassionati di calcio, il suo primo compito penso sarà recuperare il più possibile l’unanimità, perché per certe decisioni è indispensabile la compattezza della Lega. È sempre facile a dirsi, più complicato a farsi", ha detto Malagò. "Buon lavoro al neoeletto presidente Lorenzo Casini. Gli auguro di ricompattare in tempi brevi la Lega Serie A e di esprimere una leadership in grado di rappresentare al meglio, in un’ottica di sistema, gli interessi dei club del massimo campionato. Il calcio italiano ha sfide molto importanti da affrontare, impossibili da vincere senza una Lega di A autorevole e responsabile", dice invece Gravina.