Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tennis, la Federazione internazionale annulla tutti i tornei in Russia

  • a
  • a
  • a

Lo sport assesta un altro durissimo colpo alla Russia. Sono stati cancellati tutti i tornei di tennis in programma nel Paese, A causa del conflitto attualmente in corso in Ucraina, l'International Tennis Federation ha ufficializzato di aver cancellato indefinitamente tutti i tornei del circuito Itf originariamente previsti in calendario nel territorio della Russia. Posticipato anche il Future maschile da 15 mila dollari fissato a Vyshkovo, in Ucraina, dal 18 al 24 aprile.

"La nostra principale priorità è la protezione dei giocatori e di tutti quelli che viaggiano per partecipare a questi eventi - ha spiegato in una breve nota la Federazione internazionale - Continueremo a monitorare la situazione da vicino e a valutarla periodicamente. Ogni ulteriore azione sarà deciso in base a un'approfondita valutazione del rischio e alle indicazioni che riceveremo dagli esperti di sicurezza e dalle autorità competenti". Inoltre secondo il sito TennisUA, specializzato in notizie sul tennis ucraino, la Federtennis ucraina avrebbe inviato all'Itf e a Tennis Europe una lettera in cui viene chiesta l'espulsione dei tennisti russi e bielorussi da tutti i tornei individuali e di squadra appartenenti ai due circuiti.

Il mondo dello sport si è letteralmente scagliato contro la Russia, colpevole della violenta e insensata invasione dell'Ucraina. Le nazionali di calcio che erano inserite nel girone della Russia per i play-off dei mondiali, hanno già annunciato che non scenderanno in campo contro la selezione del Paese guidato da Vladimir Putin. Diverse e sferzanti le prese di posizione dei singoli calciatori, così come degli ultras di importanti squadre di tutto il mondo. La Federazione internazionale di judo ha sospeso Vladimir Putin dalla carica di presidente onorario e ambasciatore. Sono decine e decine le società che hanno deciso di disdire i loro contratti con sponsor russi, condannando in maniera decisa ed esplicita la scelta di invadere l'Ucraina