Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guerra in Ucraina, l'appello di Shevchenko: "Siamo sotto attacco, sostenete il nostro Paese"

  • a
  • a
  • a

Si moltiplicano gli appelli alla Russia di fermare l'invasione dell'Ucraina. Appelli che arrivano da tutte le nazioni, ma non solo dal mondo politico, anche da quello dello sport e dello spettacolo. Ovviamente non sono mancate le parole di Andrij Shevchenko, ex attaccante del Milan, commissario tecnico della nazionale di calcio della sua Ucraina: "Nelle prime ore di oggi - ha scritto - la Russia ha iniziato una guerra su vasta scala. La mia gente e la mia famiglia sono sotto attacco. L'Ucraina e la sua popolazione vogliono la pace e l'integrità territoriale. Per favore, vi chiedo di sostenere il nostro Paese e di chiedere al governo russo di fermare la loro aggressione e violazione del diritto internazionale. Vogliamo solo la pace. La guerra non è la risposta".

Il campione ha diffuso l'appello attraverso il suo profilo Instagram ufficiale. Nella giornata di ieri Andrij Shevchenko, sempre sul suo profilo Instagram, aveva già pubblicato parole molto toccanti, consapevole che la situazione stava diventando sempre più difficile e che l'Ucraina rischiava un pesante attacco militare da parte della Russia: "L'Ucraina è la mia patria - aveva scritto - Sono sempre stato orgoglioso della mia gente e del mio paese! Abbiamo attraversato molti momenti difficili e negli ultimi 30 anni ci siamo formati come nazione. Una nazione di cittadini sinceri, laboriosi e amanti della libertà. Questa è la nostra risorsa più importante. Oggi è un momento difficile per tutti noi. Ma dobbiamo unirci. Insieme vinceremo. Gloria all'Ucraina".

I posti dell'ex attaccante del Milan hanno ricevuto migliaia e migliaia di like, commenti positivi e parole di incoraggiamento da utenti di tutto il mondo, ovviamente in particolare italiani, molto affettuosi nei confronti del commissario tecnico della nazionale ucraina. In tanti hanno scritto commenti come "Siamo sempre con te", "Onore al popolo ucraino", "L'Ucraina alla fine vivrà".