Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Campions League, per la crisi Ucraina San Pietroburgo rischia di perdere la finale. Si giocherà a Wembley?

  • a
  • a
  • a

Mentre Vladimir Putin riconosce le autoproclamate repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk, invia i militari nel Donbass e muoiono i primi soldati ucraini a causa dei bombardamenti, il mondo occidentale si prepara a pesanti sanzioni nei confronti della Russia. Durissima la posizione degli Stati Uniti, ma non sono da meno neanche i paesi dell'Unione Europea che hanno commentato duramente le scelte del premier russo. Sul fronte economico la reazione sarà pesante, questo il coro dei governi dei paesi occidentali.

Sanzioni all'interno delle quali potrebbe rientrare anche lo sport. A partire dal calcio. La Uefa, infatti, sta valutando la possibilità di cambiare sede della prossima finale di Champions League, al momento in programma a San Pietroburgo il 29 maggio. Una scelta che avverrebbe proprio a causa della crisi russo-ucraina. Lo riporta la stampa inglese, secondo cui in lizza per l'ultimo atto della competizione continentale ora ci sarebbe anche Wembley. Nella Uefa sarebbero emersi seri dubbi sull'opportunità e la possibilità di giocare la finale Champions alla Gazprom Arena.

La Uefa starebbe monitorando la crisi al fine di elaborare un piano di emergenza, se necessario. Diverse importanti compagnie aeree europee hanno già annunciato che sospenderanno o ridurranno i voli sia per l'Ucraina che per la Russia a causa dei crescenti problemi di sicurezza. Già nella scorsa stagione, la finale di Champions è stata spostata da Istanbul a Porto, tre settimane prima del calcio d'inizio, a causa dell'emergenza Covid che aveva duramente colpito la città turca. Questa volta il cambio di sede sarebbe dettato da motivazioni ben diverse e rappresenterebbe anche una chiarissima presa di posizione nei confronti della stessa Russia. Non ospitare la finale di Champions League per San Pietroburgo rappresenterebbe non solo una perdita da un punto di vista economico, ma un chiaro segnale che, non è escluso, nel mondo dello sport potrebbe essere replicato da altre scelte.