Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morte Frosio, Castagner: "Un trascinatore e un esempio". Mercoledì il funerale nel duomo di Monza

  • a
  • a
  • a

Perugia piange il suo capitano, quel Pierluigi Frosio venuto a mancare ieri - domenica 20 febbraio 2022 - all'età di 73 anni. Leader del Perugia dei miracoli, era rimasto nel cuore di tutti. “Noi di quel gruppo non eravamo compagni di squadra ma amici che giocavano insieme. Frosio ha fatto la storia del Perugia più di me. Era molto legato alla città, era tornato meno di un mese fa. La cosa è precipitata in pochi giorni e ci lascia ancora più attoniti” racconta Franco Vannini, altro pilastro di quella squadra capace di sfiorare lo scudetto nella stagione 1978/1979 dopo la storica promozione in Serie A. 

 

 

"Sei stato un trascinatore e un esempio per tutti i tuoi compagni di squadra, per i tifosi che ti hanno applaudito dagli spalti dello stadio, per la città di Perugia che ti ha spalancato le braccia con sincero affetto, per Nadia e per i tuoi figli che ti hanno amato incondizionatamente. E per me sei stato 'il Capitano', saggio e fedele, colonna del Perugia dei Miracoli. È una beffa che i miei ragazzi se ne vadano prima di me, ma nel mio cuore ci starete sempre tutti" il caldo e affettuoso saluto di Ilario Castagner - l'allenatore di quel Grifo - al suo giocatore. “Con Pierino, io lo chiamavo così, c’eravamo conosciuti prima di ritrovarci a Perugia. Eravamo a Legnano in C1, ero più giovane di lui e, insieme ad Agroppi, mi avevano preso sotto la loro ala protettrice. Frosio era un libero moderno, con lui si costruiva l’azione dal basso, quel tipo di calcio ha anticipato molte delle cose che si vedono ora. Non a caso andò a chiudere la carriera nel Rimini di Arrigo Sacchi” è invece il ricordo di Walter Novellino.

 

 

Commovente il pensiero della figlia di Renato Curi, Sabrina: "Come famiglia abbiamo avuto il privilegio e l'onore di viverlo non solo come calciatore, ma soprattutto come uomo! Sempre, sempre, sempre presente nella nostra famiglia. Anche lui se ne andato di domenica. Per loro la domenica non era un giorno qualunque. Si vede che lassù oggi c'era una partita molto importante e avevano bisogno di un capitano...un vero capitano. Sono convinta che stia giocando la partita più bella! Non ti dimenticheremo mai Piero, te lo prometto e saremo sempre vicino a Nadia, Alex e Sarah, come tu sei stato vicino noi". "Ciao Lord Piero”, lo ha ricordato il Perugia snocciolando anche tutti i numeri con la maglia del Grifo. Fissata la data dei funerali: si terranno mercoledì 23 febbraio nel duomo di Monza alle 15,30.