Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio, al Milan basta Leao su assist di Maignan per mandare ko la Sampdoria e andare in vetta. Il video del gol

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

Al Milan basta un gol del solito Rafael Leao per mandare ko la Sampdoria e volare in testa alla classifica di Serie A, con una lunghezza di vantaggio sull'Inter che ieri ha pareggiato a Napoli e che ha una partita da recuperare. Gli uomini di Pioli sbloccano il match dopo otto minuti, poi mettono il cruise control e, seppur senza trovare il gol del raddoppio, non concedono quasi nulla agli avversari, andandosi a prendere tre punti fondamentali nella corsa scudetto. Si chiude così una settimana perfetta per i rossoneri: vittoria del derby, vittoria in Coppa Italia e vittoria oggi; sei punti in Serie A, vetta della classifica e semifinale di coppa raggiunta. Cosa chiedere di più?

 

 

Il match come detto si sblocca dopo otto minuti. Maignan sveste i panni del portiere e indossa quelli del centrocampista, vede Leao sulla sinistra e lo serve con un assist millimetrico. Il resto lo fa tutto il portoghese: stop perfetto, avversario saltato e palla in buca d'angolo. La Sampdoria dell'ex Giampaolo accusa il colpo ma non crolla: Falcone salva più volte il risultato e già nel primo tempo è decisivo su Messias.

 

 

Il numero 30 rossonero sfiora il 2-0 anche al rientro dagli spogliatoi, poi Candreva prova a riaprirla ma Maignan si sporca per la prima e unica volta i guantoni e in due tempi dice di no all'ex Inter. Pioli cambia tutti e tre gli uomini alle spalle di Giroud per cercare il 2-0, ma a cambiare non è il risultato, anche perché Falcone proprio non ci sta a vedere affondare i suoi. Il numero 9 del Milan, reduce dalla doppietta nel derby, ci prova in semirovesciata e di testa; Rebic e Tonali di piede, ma l'estremo difensore blucerchiato dice sempre di no. Poco male per i padroni di casa, che riescono comunque a chiudere la settimana perfetta con i tre punti e a mettere la freccia sull'Inter. Adesso, per i nerazzurri, la partita con il Bologna da recuperare sarà più importante che mai.