Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Novak Djokovic ci riprova? E' iscritto al Masters Indian Wells ma serve il vaccino

  • a
  • a
  • a

Novak Djokovic ci riprova? Il tennista numero uno al mondo, costretto a saltare l'Australian Open perché non vaccinato contro il Covid 19, figura nell'entry list del primo Masters 1000 della stagione, a Indian Wells. L'iscrizione al torneo californiano è automatica per i top players. Il serbo cercherà di partecipare alla manifestazione come ha fatto in Australia? Difficile dirlo per ora. Intanto il campione ha smentito le voci sulla sua presunta vaccinazione dopo il 21mo Slam di Rafa Nadal diffuse da un giornalista che si è accreditato suo biografo.

Djokovic espulso dall'Australia dopo undici giorni di battaglia legale e due ricorsi contro successive cancellazioni del visto, ha vinto cinque volte il titolo a Indian Wells. Gli organizzatori del torneo californiano, in calendario dal 9 al 20 marzo, hanno spiegato in un comunicato che "le linee guida per i giocatori dipendono dai protocolli dell'Atp e della Wta, oltre che dalle restrizioni stabilite dal governo degli Stati Uniti per i viaggiatori in arrivo dall'estero". Restrizioni che richiedono prove di una completa vaccinazione contro il Covid 19, salvo quelle che vengono definite "limitate eccezioni". Peraltro anche gli spettatori, i giudici di linea, i ballboys, i lavoratori all'interno dell'Indian Wells Tennis dovranno obbligatoriamente essere vaccinati.

Il serbo è atteso al rientro in campo a Dubai, dove invece non è richiesta la completa vaccinazione contro il Covid 19. Novak Djokovic è il secondo più titolato nell'Atp 500 degli Emirati Arabi Uniti. Ha trionfato cinque volte, con un bilancio complessivo di 41 partite vinte e 6 perse, dietro solo al primatista Roger Federer che ha conquistato otto volte il prestigioso e ambito titolo. Oltre a Djokovic, in tabellone ci sarà anche Jannik Sinner, al primo torneo dopo l'Australian Open. Annunciate le presenze anche del campione in carica Aslan Karatsev, del russo Andrey Rublev e dei canadesi Felix Auger Aliassime e Denis Shapovalov.