Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Olimpiadi invernali, strepitoso Federico Pellegrino: medaglia d'argento nella sprint tecnica libera

  • a
  • a
  • a

Una gara perfetta, seconda solo a un fuoriclasse, ma che conferma ancora una volta la grandezza di Federico Pellegrino. Il fondista delle Fiamme oro bissa il secondo posto dei Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang 2018 (ottenuto nella gara classica) e conquista la medaglia d'argento anche a Pechino 2022 nella sprint tecnica libera.  L’atleta valdostano è arrivato alle spalle del norvegese Klaebo, che si conferma campione olimpico con il tempo di 2’58''06. L’azzurro ha chiuso con il tempo di 2'58''32, Terentev, terzo, con 2’59''37.

 

 

"È qualcosa di incredibile. Ho iniziato a sognare questa corsa otto anni fa. E negli ultimi anni, il sogno è diventato passo dopo passo un obiettivo, e raggiungere questo obiettivo di una medaglia per me è qualcosa di incredibilmente emozionante - ha commentato Pellegrino dopo l’argento - È stato un anno veramente difficile e questo è incredibile. Oggi ho messo in pista tutte le mie qualità. Tattica, tecnica, i miei sci erano incredibili. La mia testa oggi era super e il corpo pure. Non è stato un facile avvio di stagione a dicembre, ho cambiato tutto. Dunque oggi l’emozione era molto grande e si poteva vedere l’orgoglio dei miei compagni, dei miei tecnici. Tutte le persone che lavorano molto su questo erano contenti e questa è la cosa più felice per me". Quella di Pellegrino è la sesta medaglia della spedizione azzurra, dopo l'oro di Arianna Fontana, gli argenti della staffetta mista dello short track, di Federica Brignone e di Francesca Lollobrigida e il bronzo di Dominik Fischnaller.

 

 

Pellegrino, nato ad Aosta il primo settembre 1990, è alla sua terza Olimpiade ed è l’uomo di punta del fondo azzurro, il campione che ha saputo conquistare l’oro iridato nella sprint a Lahti 2017, 10 anni dopo l’ultimo trionfo mondiale al maschile (Sapporo 2007) targato Zorzi-Pasini nella team sprint. Nella storia era entrato nel 2016 diventando il primo atleta non scandinavo a vincere la Coppa del Mondo sprint e anche l’azzurro con più successi (9). Nel 2021 si è aggiudicato per la seconda volta in carriera la Coppa del Mondo nella specialità sprint. Nel giugno dello scorso anno il matrimonio da favola a Gressoney con la collega Greta Laurent, alla quale è legato da molti anni. Da adolescente amava giocare a calcio, tifa Juventus, ed era percussionista della banda del suo Paese.