Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berrettini, questo Nadal è ancora troppo forte. Lo spagnolo vince ed è in finale agli Australian Open

  • a
  • a
  • a

Finisce in semifinale l'avventura di Matteo Berrettini agli Australian Open di tennis. Il tennista azzurro, che da lunedì sarà numero 6 della classifica Atp, suo persoal best, si è arreso in quattro set a Rafael Nadal. Il maiorchino si è imposto per 6-3, 6-2, 3-6, 6-3 dopo 2 ore e 55 minuti. Berrettini esce comunque a testa altissima, contro un Nadal ingiocabile nei primi due set.

 

 

Nella Rod Laver Aren, Nadal non sbaglia quasi mai un colpo. Cambia il suo modo di giocare rispetto al precedente match contro Berrettini - la semifinale agli Us Open 2019 - rispondendo molto più vicino alla riga di fondo campo e da subito aggressivo. La tattica, in effetti, paga, e nei primi due set strappa subito il servizio a Berrettini, portandosi avanti per 2-0. Il terzo parziale vede la reazione di Berrettini, alla terza semifinale slam dopo appunto gli Stati Uniti d'America e Wimbledon. L'azzurro gioca molto più sciolto, strappa il servizio a Nadal nell'ottavo gioco e vince il set per 6-3. Anche il quarto parte con il piede giusto per Berrettini, aiutato dal servizio e da un Nadal all'apparenza in riserva. Il tennista romano però non approfitta di alcuni momenti no dello spagnolo, non riuscendo mai a giocare nemmeno un break point. Così Nadal - che vanta 20 tornei del Grande Slam in bacheca - torna nel match e nel momento decisivo aggredisce Berrettini. Gli strappa il servizio nell'ottavo gioco e vince il match.

 

 

"Ho iniziato alla grande e i primi due set sono stati i migliori da tanto tempo - ha detto Nadal nell'intervista post match - So quanto è pericoloso Matteo e immaginavo che nel terzo set prendesse maggiori rischi, ho iniziato a soffrire, devi soffrire, è quello che ho fatto ed era l’unico modo per essere dove mi trovo oggi e questo ha un grande significato per me, essere in finale agli Australian Open. Non gli ho permesso di giocare troppo con il dritto, non volevo che leggesse troppo i miei colpi e poi ho risposto molto bene e fare subito il break nel primo e secondo set ti aiuta. Poi sono riuscito a resistere e nel quarto set sono riuscito a chiudere". Nadal, nel caso riuscisse a vincere in Australia, sarebbe il primo ad arrivare a vincere 21 Slam. "Per me l’unica cosa che conta è l’Australian Open, è un evento straordinario. Non sono sempre stato fortunato qui, altre volte ho giocato finali stupende, mi sento fortunato di aver vinto nel 2009 e non pensavo di avere un’altra chance nel 2022, quindi mi godo la vittoria di oggi e da domani penso alla finale. Berrettini? È arrivato in finale a Wimbledon, in semifinale qui, è giovane, ogni anno migliora, è un giocatore con un grande carisma, un bravo ragazzo. Gli auguro il meglio e penso che abbia uno splendido futuro davanti a se". Il maiorchino adesso se la vedrà con il vincente del match tra Medvedev e Tsitsipas.