Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Novak Djokovic, i giudici australiani: "Poteva alimentare i sentimenti no vax"

  • a
  • a
  • a

Novak Djokovic poteva alimentare il sentimento no vax in Australia e per questo la sua espulsione è considerata giusta. E' scritto nelle motivazioni della sentenza emessa da James Allsop, capo del collegio di tre giudici della Federal Court che ha analizzato il ricorso del giocatore contro la sua espulsione dal Paese. "Una star del tennis può influenzare persone di tutte le età, ma soprattutto i giovani e più suggestionabili, e spingerli a emularlo. Questa non è una fantasia, non servono prove". Secondo la corte, dunque, la presenza di Novak Djokovic in Australia "avrebbe potuto alimentare il sentimento anti-vaccini".

La preoccupazione del ministro Hawke, si legge ancora nelle motivazioni della sentenza, "non riguarda soltanto i gruppi no vax, alcuni dei quali hanno posizioni estreme e possono rappresentare un rischio per il buon ordine o l'ordine pubblico nella comunità, ma anche chi semplicemente è indeciso se vaccinarsi o meno". Insomma via Novak Djakovic per non dare forza alle tesi no vax, considerate per il Paese non accettabili. L'Australia è una delle nazioni del mondo che ha sopportato i lockdown più lunghi e stringenti per cercare di contenere la diffusione del Covid 19

Quella di Djokovic è una vicenda che ha tenuto con il fiato sospeso non solo il tennis, alla vigilia degli Open di Australia, ma tutto il mondo, ansioso di comprendere come sarebbe finita la sfida più complessa della carriera del giocatore serbo. La posizione di Djokovic è stata netta e mai in discussione e l'esclusione dal torneo australiano potrebbe non essere l'unica conseguenza. Lacoste, principale sponsor del giocatore, ha spiegato che il prima possibile si metterà in contatto con il serbo "per rivedere gli eventi che hanno accompagnato la sua presenza in Australia". Djokovic ogni anno guadagna più di 40 milioni di dollari in sponsorizzazioni. Oltre a Lacoste le principali aziende che lo sostengono sono Peugeot, Hublot e Asics.