Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Djokovic acquista l'80% delle quote di un'azienda che sta realizzando una cura

  • a
  • a
  • a

Una mossa inaspettata, addirittura risalente al giugno 2020. Novak Djokovic, il tennista no vax espulso dall'Australia per non essersi vaccinato e costretto così a saltare gli Australian Open, ha acquistato l'80% delle quote di una società danese che sta investendo nelle cure anti Covid. La notizia arriva dall'agenzia di stampa britannica Reuters, che ha intervistato Ivan Loncarevic, l'amministratore delegato dell'azienda QuantBioRes.

 

 

La QuantoBioRes è una startup danese nata nel giugno 2020. La notizia dell'acquisto delle quote era stata anticipata dal Sole 24 Ore: oggi è arrivata la conferma ufficiale. Come si legge nel sito dell'azienda, QuantoBioRes si occupa di cure e trattamenti contro la batterio resistenza e contro i retrovirus. L'azienda sta cercando una cura alternativa al vaccino: nel dettaglio, sarebbe un peptide che inibisce il Coronavirus dall'infezione della cellula umana. L'entourage del tennista serbo, contattato dall'agenzia di stampa britannica, non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

 

 

Djokovic nelle scorse settimane era finito al centro di uno scandalo mondiale legato alla sua presenza agli Australian Open di tennis. Il serbo infatti non si è vaccinato, al contrario da quanto previsto dalla legge australiana. La Corte Federale, domenica 16 gennaio, confermato la cancellazione del visto, con il tennista che ha perso l’appello contro la decisione del ministro dell’Immigrazione Hawke ed è stato costretto a lasciare il Paese. Secondo la stampa australiana, l'organizzazione del torneo dello Slam avrebbe pagato le spese legali di Djokovic. Per il Daily Mail Australia, "gli organizzatori degli Australian Open, che ricevono milioni di dollari in fondi pubblici ogni anno, hanno accettato di pagare le spese legali della star serba espulsa". Una fonte vicina a Tennis Australia fa sapere che gli organizzatori non hanno "negato l’accusa di aver pagato la quota".