Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Novak Djokovic, agli Australian Open primo turno contro Miomir Kecmanovic. Ma il governo lo vuole espellere dal Paese

  • a
  • a
  • a

Novak Djokovic giocherà gli Australian Open? Dopo il lungo braccio di ferro tra il tennista e il governo australiano, seppur in ritardo sono stati effettuati i sorteggi di quello che è uno dei tornei più prestigiosi del mondo. Djokovic giocherà il primo turno contro il tennista Miomir Kecmanovic. E' stata la stessa organizzazione del torneo a scriverlo su profilo Twitter ufficiale. Ovviamente tutto ciò mentre è ancora attesa la decisione definitiva sul visto del campione serbo. Il primo ministro australiano afferma, infatti, che la rigida politica del suo governo nei confronti dei visitatori che non sono vaccinati contro il Covid 19 non è cambiata e pare che il suo governo si avvicini sempre più alla decisione di espellere definitivamente la star del tennis.

Il sorteggio dell'Australian Open è stato ritardato di almeno 75 minuti proprio a causa dell'incertezza sullo status del visto di Novak Djokovic. Il sorteggio per determinare i gironi di singolare maschile e femminile del primo major di tennis dell'anno doveva tenersi alle 15. ora locale di Melbourne. Ma gli organizzatori hanno ritardato, forse nella speranza che il governo si pronunciasse. Non è avvenuto e quindi hanno proceduto alla "costruzione" del tabellone. Djokovic è stato dunque accoppiato a Kecmanovic.

Il numero uno del tennis mondiale aveva avuto il visto annullato al suo arrivo, la scorsa settimana quando era stata messa in discussione la sua esenzione dalla vaccinazione, ma poi ha vinto la battaglia legale che gli ha permesso di rimanere nel paese. Rischia ancora la prospettiva dell'espulsione perché il governo può comunque procedere in questa direzione. Il ministro dell'Immigrazione sta valutando la possibilità di annullare il suo visto e quindi di espellerlo dall'Australia in maniera definitiva. Sarebbe una decisione per certi versi clamorosa, ma nel Paese avrebbe ovviamente un alto valore simbolico anche nei confronti dell'intero movimento no vax.